In pubblicazione il 7 SET 2019

Estate 2019: una delle più calde e meno piovose di sempre

Al quinto posto delle estati con anomalie termiche positive dal 1950 ad oggi


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Siamo entrati nel mese di settembre e per dare il via ufficialmente la stagione autunnale dobbiamo ancora aspettare qualche giorno, precisamente lunedì 23 settembre.

Ma meteorologicamente parlando l’autunno inizia il primo settembre, per cui il 31 agosto abbiamo definitivamente archiviato l’estate. E’ tempo di bilanci, i primi per capire a grandi linee come siamo andati.

Abbiamo avuto un’estate fresca o calda? Bè come ci aspettavamo è stata molto calda chiudendo con una anomalia termica di temperatura media di ben +2,1°C sulle medie dei riferimento trentennali del periodo 1971-2000. 

L’estate 2019 si posiziona per questo al quinto posto nella graduatoria delle più calde dal 1950, ma senza dubbio salta all’occhio che nei primi 6 posti della classica troviamo le estati del nuovo millennio (dal 2000 in poi) e parte quella del 2003 (praticamente inclassificabile e infernale), sono tutte molto allineate ad anomalie termiche prossime ai 2°C, che sull’intera stagione è un dato incredibile.


Per un’estate sopportabile senza anomalie degne di nota dobbiamo andare indietro nel tempo di diversi anni, nel lontano 2005 (14 anni fa), ma a fare davvero la differenza sono stati gli anni dal 2003 in poi, con anomalie termiche positive sempre molto rilevanti (più docile il 2014).

A peggiorare le cose non sono solo le temperature, ma anche le precipitazioni molto scarse, che dopo diversi anni sotto le medie del periodo hanno peggiorato il deficit idrico su tutto il territorio.

Estati sempre più calde e meno piovose, una tendenza individuata già da tempo dai modelli previsionali. "Forse" Greta Thunberg si sta battendo per qualcosa di veramente valido. 



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

21 GEN
L’aria “pulita” in natura non esiste né è mai esistita. La naturale composizione dell’aria
21 GEN
Gran parte del mese di Gennaio sembra scorrer via senza grossi sussulti sul vecchio continente
20 GEN
Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità
19 GEN
Sarà l’ondata sognata e lungamente attesa da freddofili e nivofili?
22 GEN
La media è quasi di 10°C superiore
22 GEN
Danni pesantissimi a causa delle devastanti mareggiate, tanta neve in montagna
22 GEN
Dopo siccità ed incredibili incendi arrivano forti temporali
22 GEN
Il fumo alla fermata dell’autobus… e le scorregge? tratto da www.aduc.it