In pubblicazione il 15 AGO 2019

Fine settimana pieno di sole e con caldo nella norma

Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Nei prossimi giorni l’estate ci regalerà forse i suoi momenti migliori, perché l’alta pressione “africana”, benché in lenta espansione sul mediterraneo Centrale, non occuperà con prepotenza la nostra Penisola, lasciandoci così giornate in prevalenza soleggiate ma senza un caldo opprimente. Da venerdì a domenica quindi ci attendono soprattutto il sole e temperature nella norma.

In particolare venerdì e sabato godremo di cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso; nelle ore centrali del giorno è possibile un temporaneo aumento della nuvolosità sui rilievi della Penisola, dove però in generale si potrà fare a meno dell’ombrello. Le temperature, in leggera crescita, rimarranno comunque per lo più comprese entro i valori medi stagionali, con la massime che quasi dappertutto faranno registrare valori tra 27 e 33 gradi. Inoltre l’afa sarà debole, e quindi non renderà faticoso sopportare queste temperature.


Anche domenica il sole splenderà in gran parte d’Italia, ma aumenterà leggermente l’instabilità sulle Alpi, dove le nubi pomeridiane saranno accompagnate, qua e là, da qualche breve ma improvviso scroscio di pioggia. Le temperature e l’afa cresceranno, ma di poco, e perciò il caldo rimarrà ancora tutto sommato normale e, soprattutto, tutt’altro che intenso. Tra le città in cui domenica farà più caldo ci saranno anche Bologna, Firenze e Catania, dove sono possibili picchi di 33-34 gradi.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

13 SET
Ma non per questo darà luogo ad un ondata di caldo eccezionale o record
12 SET
Ritorno a condizioni tipicamente estive da Nord a Sud, massime fino a 32-33 gradi
12 SET
Solo il 10% delle località valori tra 30 e 32 gradi
11 SET
L'alta pressone dell'Anticiclone Nord-Africano ci regalerà giornate tipicamente estive, con sole e caldo
11 SET
Gondwana, l'attuale Sud America, si staccò da Pangea 165 milioni di anni scatenando una eruzione vulcanica apocalittica
10 SET
400 mila persone evacuate, onde alte 11 metri!