In pubblicazione il 10 SET 2019

Temperatura avvertita all’aria e al Sole

Non sono la stessa cosa


Fonte Immagine: pinterest.com

 

Nel periodo caldo maggio-settembre ci capita spesso ogni anno di contestare le temperature, sempre per eccesso, riferite dai nostri  utenti, seppure in buona fede, ma che denotano la mancata conoscenza dei numerosi requisiti che richiede una corretta misura della temperatura dell’aria (quella che avvolge il nostro corpo) in quel luogo e in quel momento.

La sensazione termica sulla pelle esposta al sole non dovuta alla temperatura dell'aria

Innanzitutto l’errore più comune è quello di confondere la temperatura dell’aria con la sensazione termica che avvertiamo quando la nostra pelle è esposta al sole ( in questo caso quello che avvertite è la temperatura della Vs. pelle!)

Sono in molti però a confondere le 2 sensazioni con la classica esclamazione“che caldo che fa, anche se in quel momento il termometro “all’ombra”misura 25 gradi.

 

La temperatura dell'aria deve essere sempre misurata all'ombra


 Il perché? Ve lo spieghiamo con un esempio: provate a misurare la temperatura che vi è dentro la vostra casa con un termometro: l'aria che avvolge il bulbo del termometro. "comunicherà" al medesimo la sua temperatura. Ora prendete il vostro termometro e appendetelo all'aria sul vostro balcone ma esposto ai raggi solari. Senz'altro osservate noterete che le due misure, differiscono anche di 10-20 gradi, specie in estate.  Ed ecco che molti di Voi di dicono: "oggi qui da me faceva 40 gradi!". 

 

Errata conclusione

Infatti il vostro termometro esposto al sole, non ha misurato la temperatura dell'aria bensì, a causa surriscaldamento del bulbo termometrico, ha misurato… la temperatura del liquido contenuto nel bulbo!

 Come avere la certezza che la temperatura misurata o letta sia corretta

  • la misura di temperatura dell’aria deve essere presa sempre all’ombra
  • il termometro per convenzione deve essere posto a 1.5 m circa di altezza dal terreno perché questa è anche la temperatura  dell’aria che avvolge percepita dalla maggior parte della superficie del nostro corpo
  • se il termometro è  10-30 cm di altezza le 2 misure sono senz’altro diverse rispetto alla temperatura presa a 1.5m.  Esempio: sull’asfalto al sole la temperatura nelle ore centrali del giorno è intorno 60-70 gradi ma la temperatura a 1.5m è, per fortuna decisamente più bassa. Sono soprattutto i primi 30-50 cm diaria che si surriscaldano di più per assunzione del calore a suolo del conduzione 
  • il sensore deve essere lontano da ostacoli (mura, edifici) perché questi, dopo essere stati esposti al sole, irradiano calore nell’infrarosso (irraggiamento). La tipica calura che si prova anche al tramonto su un muro esterno della casa se nel pomeriggio è stato al sole
  • La stessa cosa vale per i termometri a LED installati in cima agli edifici cittadini.
  • il sensore della vs. auto è in genere all’intero dello specchio retrovisore sx ma  se l’auto è stata esposta al sole, il sensore misurerà  una temperatura falsata dal calore infrarosso emesso dall’infuocato involucro in plastica dello specchietto (in estate valori prossimi 40 °C !! ). Quando mettete in movimento,  il sensore si raffredda un po’ con la ventilazione ma non più di tanto se lo specchietto seguita a restare al sole

Occhio quindi!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

13 SET
Ma non per questo darà luogo ad un ondata di caldo eccezionale o record
12 SET
Ritorno a condizioni tipicamente estive da Nord a Sud, massime fino a 32-33 gradi
12 SET
Solo il 10% delle località valori tra 30 e 32 gradi
11 SET
L'alta pressone dell'Anticiclone Nord-Africano ci regalerà giornate tipicamente estive, con sole e caldo
11 SET
Gondwana, l'attuale Sud America, si staccò da Pangea 165 milioni di anni scatenando una eruzione vulcanica apocalittica
10 SET
400 mila persone evacuate, onde alte 11 metri!