In pubblicazione il 22 MAR 2020

Torna la neve su Marche, Abruzzo, Molise e Puglia

Le correnti fredde che stanno investendo l’Italia si infiltreranno su tutto il Paese e porteranno neve fino a quote molto basse sul versante adriatico


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

E’ primavera, lo dice anche il calendario, eppure l’inverno bislacco di quest’anno sembra non volerne tenere e conto e, anzi, per i prossimi giorni ha in serbo più di una sorpresa: insomma, un vero e proprio colpo di coda di una stagione invernale abbiamo vissuto solo a sprazzi. Ecco allora che nella prima parte della nuova settimana ci attendono venti gelidi, deboli gelate e, addirittura, la neve fino a bassa quota.

In base alle odierne proiezioni dei modelli, in particolare, tra lunedì e martedì sono attese deboli nevicate fino a quote collinari su Marche, Abruzzo, Molise e Gargano, con i fiocchi che in alcuni momenti, e in particolare tra la fine di lunedì e le prime ore di martedì, è probabile che si spingano fin sulle coste! Insomma, la neve potrebbe ammantare, con una leggera spolverata di bianco, le regioni del medio e basso versante adriatico, coinvolgendo anche città come Ancona, Pescara, Campobasso e Foggia, oltre a tante altre.


Nel resto d’Italia poche piogge, più che altro all’estremo Sud, con nevicate confinate alle zone montuose, in generale al di sopra di 800-1000 metri. A unire tutto il Paese invece ci penserà il freddo: le temperature nei prossimi giorni andranno incontro a un brusco abbassamento, e scenderanno ovunque al di sotto della norma, attestandosi attorno a valori tipici del mese di febbraio. Un po’ di freddo invernale che verrà inoltre accentuato dai gelidi venti settentrionali che tra lunedì e martedì spazzeranno con insistenza soprattutto il Centrosud e Isole.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

4 APR
A cura del Dott. Alfio Giuffrida, Fisico nonché Meteorologo e scrittore
2 APR
Il mese di aprile potrebbe ancora mostrare qualche segnale di incertezza
2 APR
Si volterà pagina già dal weekend, quando le temperature riprenderanno a salire sensibilmente
3 APR
Migliaia e migliaia di vittime nel nostro continente, con Italia e Spagna a pagare il conto tragicamente più elevato; possibile legame con le condizioni climatiche
3 APR
I dati mostrano un leggero miglioramento della situazione, con la curva dei contagi che, soprattutto al Nord, comincia a rallentare
31 MAR
La grande metropoli americana è oramai al collasso e in aiuto giunge anche la nave ospedale della Marina Militare Americana