In pubblicazione il 11 NOV 2019

Venti di tempesta e mareggiate, Centro Sud nel mirino.

Previste raffiche di vento superiori a 100 km/h con forti mareggiate, le zone più colpite:

Mareggiate in arrivo.
Mareggiate in arrivo.
Fonte Immagine: Giornale di Toscana.

 

Come già descritto negli articoli precedenti, il profondo minimo di bassa pressione si sta rafforzando e prendendo forma proprio in queste ore tra la Sardegna e il Nord Africa, spostandosi poi tra questa sera e domani tra la Sicilia e la Tunisia, e rafforzandosi ulteriormente, innescherà forti venti di tipo ciclonico su tutto il Centro Sud con il rischio di mareggiate veramente notevoli, vediamo le zone maggiormente coinvolte. 

Raffiche di vento previste: 

Il vortice depressionario, traslando verso Est, attiverà inizialmente forti venti sciroccali nel corso della serata di oggi, con raffiche fino a 80/90 chilometri orari sulle coste Ioniche di Sicilia, Calabria e Puglia, con moto ondoso in netto aumento e altezza d'onda stimata fino a 4 metri sulle coste Calabresi, con il rischio delle prime mareggiate. La fase più severa di questa ondata di maltempo, è prevista però per la giornata di domani, quando un vero e proprio ciclone Mediterraneo, scatenerà venti a carattere di tempesta dai quadranti Occidentali e Sud-Occidentali, a seconda dello spostamento del minimo di bassa pressione, che potrebbe scendere fino a 980 hpa. Le regioni che si troveranno a fare i conti con i venti più intensi saranno la Sardegna, la Sicilia, la Calabria, la Puglia e a seguire nella serata di domani anche la Campania, con raffiche stimate anche oltre i 100 km/h sulle zone più esposte. 


Rischio mareggiate importanti. 

Le forti correnti cicloniche provocheranno un deciso aumento del moto ondoso su tutto il Mediterraneo, con il rischio di mareggiate violenti sulla Costa Ovest della Sardegna, sulla parte Occidentale della Sicilia e su tutta la costa Ionica di Calabria e Puglia. Sono previsti mari in burrasca con altezza d'onda stimata fino a 6 metri sotto costa e fino a 8 metri al largo, soprattutto tra Sardegna, Nord Africa e Sicilia, condizioni veramente avverse che provocheranno notevoli disagi per le rotte navali. 



Fonte Articolo: Mattia Palombo

ULTIMI ARTICOLI

6 DIC
Sull'Italia è aria di cambiamento. Sono arrivate le prime correnti fredde in quota, indotte dall'irruzione fredda in evoluzione sull'Europa orientale
6 DIC
L'Italia come una medaglia vivrà il tempo meteorologico diviso da due facce
6 DIC
“Mala tempora currunt“ ci si appellava quando il raccolto non era buono a causa di un mese o più di magra
3 DIC
Nel frattempo che l'Europa si appresta a fronteggiare l'ennesimo treno di perturbazioni, gli USA potrebbero segnare un nuovo record
6 DIC
Notte di ansia nella zona di Pozzuoli
2 DIC
Valanga a Punta Helbronner con 2 vittime, le altre in Abruzzo