In pubblicazione il 12 SET 2021

ASTRONOMIA: ci sono FULMINI anche su GIOVE e sono SPAVENTOSI!

Sono enormi e differenti rispettoa quelli che capitano sulla Terra


Fonte Immagine: wikipedia

Gli scienziati sanno dell’esistenza di fulmini nell’atmosfera di Giove da oramai quasi 40 anni, cioè da quando nel lontano 1979 la sonda Voyager I raggiunse il pianeta più grande del Sistema Solare e raccolse le prime testimonianze della presenza di questo fenomeno atmosferico. Tuttavia, i dati raccolti dalla sonda Voyager mostrarono, almeno all’apparenza, una grande differenza. Cosa c’era di tanto diverso nei fulmini di Giove?


 


Fulmini con il fischietto

Più che a un fragoroso boato il suono dei fulmini di Giove somigliava a un fischio! In particolare mentre le onde radio dei fulmini terrestri cadono nella banda dei mega o dei gigahertz, quelle dei fulmini del gigante gassoso apparivano collocate nel range dei kilohertz. Per decenni gli scienziati hanno cercato di dare una spiegazione a questa differenza finchè nel 2018 gli studiosi della NASA, analizzando i dati raccolti dalla sonda Juno, hanno fatto un’importante scoperta: in realtà non vi è alcuna differenza i fulmini dei due pianeti! Grazie alle informazioni raccolte nell’osservazione di ben 377 fulmini nell’atmosfera di Giove gli scienziati infatti hanno potuto verificare che anche le onde radio emesse da queste saette cadono nella banda dei mega e dei gigahertz.  

 

Le saette di Giove colpiscono dove meno te lo aspetti

C’è però anche una grossa differenza tra i fulmini terrestri e quelli di Giove, confermata anche dalle osservazioni della sonda Juno: sul gigante gassoso la maggior parte dei lampi si osserva nelle regioni polari, mentre sulla Terra le regioni più colpite sono quelle equatoriali. Una differenza che si spiega con la posizione di Giove, 25 volte più lontano dal Sole di quanto non sia la terra. Mentre sulla Terra la principale fonte di calore sono proprio i raggi solari, che riscaldando con più intensità le regioni tropicali rendono questa fascia più instabile e propizia alla formazione dei temporali, su Giove (dove arrivano molti meno raggi solari) la maggior parte del calore arriva dall’interno del Pianeta. Così l’atmosfera, scaldata dal basso, diventa instabile e favorisce lo sviluppo di correnti ascensionali accompagnate da temporali e fulminazioni. Nelle regioni equatoriali, che ricevono dal Sole più energia, la differenza tra la superficie e le regioni in quota diminuisce, e con essa diminuisce anche la capacità dell’atmosfera di dare vita a correnti convettive (cioè correnti di aria che si muovono verso l’alto) e temporali.

 

VI CONSIGLIAMO DI LEGGERE LE NOSTRE ULTIMISSIME!

LE PREGHIERE per invocare la PIOGGIA!

Le tragedie greche svelano il clima dell’Antichità

Punture di zanzara, UN INSETTO MALEFICO E ODIOSO

 

Anche questi articoli potrebbero interessarvi!

SI PUO' MORIRE DI CALDO? OVVIAMENTE RIMARRETE STUPITI!!

METEO ESTREMO: quando il CALDO diventa una CATASTROFE NATURALE

FUTURO CATASTROFICO: Il CAMBIAMENTO CLIMATICO modificherà anche le ONDE del mare

Cambia il clima, per l’isola di ROBINSON CRUSOE un futuro SENZA ACQUA

INCREDIBILE SCOPERTA!! La storia del Mediterraneo raccontata dalle conchiglie

Riserve globali di ACQUA DOLCE in pericolo a causa del CAMBIAMENTO CLIMATICO

ALLARME! Per il MEDITERRANEO un futuro CATASTROFICO fatto di CALDO e SICCITA’

ATTENZIONE A CHI GUIDA: cambiare le gomme in estate!!

GLOBAL WARMING DEVASTANTE: Il livello dei mari sale più velocemente del previsto

PESSIMO FUTURO: grossi guai per i raccolti

Caldo e freddo. Quale fa più vittime? La risposta è SORPRENDENTE

Trombe d'aria, TORNADO, BOMBE D'ACQUA E DI GRANDINE: le distinzioni DA SAPERE

Le nostre estati tra dieci anni. Quanto saranno CALDE? Le PROIEZIONI NON SONO ROSEE



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 SET
Le temperature rimangono insolitamente alte soprattutto al Sud e Isole, ma i modelli previsionali vedono già la fine del caldo
17 SET
Le giornate di Sabato e Domenica di metà Settembre vedranno temperature costanti e piogge diffuse al Centro-Nord
17 SET
Cinque giornate veramente piovose al Nord, cinque al Centro, una sola Sud, tre in Sardegna
7 SET
La quasi totale assenza di precipitazioni da inizio Estate e una precedente carenza storica di piogge primaverili hanno causato una delle Estati più secche di sempre nella regione dell’Emilia-Romagna
1 AGO
Una situazione purtroppo sempre più comune (e preoccupante!)