In pubblicazione il 19 FEB 2020

Nel 2027 una sonda italiana approderà su Marte

Sonda di elevata tecnologia interamente progettata e realizzata in Italia


Fonte Immagine: web

 

Una sonda di elevata tecnologia interamente progettata e realizzata in Italia arriverà su Marte entro il 2027. A portare il veicolo sul pianeta rosso sarà il Vega, il lanciatore italiano sviluppato in ambito Esa, dopo sette anni di sviluppo con un impegno finanziario di circa 50 milioni di euro. Capofila del progetto denominato SMS (Small Mission to MarS), il Centro italiano ricerche aerospaziali (Cira) con i due distretti della Sardegna (Dass) e della Campania (Dac). Responsabile scientifico è il professor Giacomo Cao, presidente del Dass.


L'affidabilità e l'economicità della missione sono i punti di forza rispetto ad analoghi programmi grazie all'utilizzo della tecnologia di apertura e protezione termica "Irene" per il rientro in atmosfera della sonda, sviluppata e brevettata dalla società consortile Ali. La missione, è stato spiegato dai promotori a Napoli, ha tre obiettivi scientifici: la produzione in sito di manufatti utilizzando le risorse disponibili sul suolo marziano, sulla base del brevetto internazionale di proprietà del Dass; la mappatura ad alta risoluzione, attraverso un drone, della superficie di Marte con particolare attenzione ai luoghi non accessibili ai rover e possibilmente localizzati a latitudini non investigate da precedenti missioni; l'analisi delle polveri marziane sia su una luna del pianeta sia sul suolo, ai fini dello studio, finora solo teorico, del cosiddetto toro di Marte.

"E' un onore e un privilegio da far tremare le gambe essere stato scelto quale responsabile scientifico della missione che consentirà all'Italia di essere annoverato tra i pochissimi paesi al mondo in grado di raggiungere il pianeta rosso sperimentando l'utilizzo di tecnologie nazionali proprietarie - commenta il prof. Cao - Il progetto è frutto della messa a sistema di conoscenze e competenze e del gioco di squadra tra tutti i partner coinvolti, elemento imprescindibile per essere competitivi sul piano internazionale a costi sopportabili per la comunità".



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

30 MAG
Insomma in termini quantitativi cosa intendiamo con “caldissima” onde evitare l'errore del "pollo di Trilussa"
30 MAG
Sono gli effetti del passaggio di un fronte freddo che lascerà strascichi di instabilità anche dopo aver abbandonato la Penisola
29 MAG
Infiltrazioni instabili Balcaniche animeranno le prossime giornate
29 MAG
Diversi vortici segnalati sul litorale laziale
29 MAG
Epicentro nella bassa modenese, il bilancio delle vittime sale a 27
29 MAG
Dopo varie settimane riprendiamo il nostro viaggio dei climi del Vecchio Continente
26 MAG
Le minoiri immissioni di CO2 avranno benefici effetti sul clima?