In pubblicazione il 10 APR 2019

Straordinario successo scientifico: la foto di un buco nero

E' un giorno importantissimo per la scienza


Fonte Immagine: web

 

E' la prima volta che succede ed è distante circa 55 milioni di anni luce: stiamo parlando del buco nero finalmente immortalato dopo anni ed anni di ricerche. Ed è uno straordinario successo scientifico realizzato da un gruppo di scienziati internazionali dopo anni di lavoro nell'ambito del progetto "Event Horizon Telescope": una rete di telescopi sparsi su tutta la Terra che intende raggiungere la risoluzione necessaria a "fotografare" l'orizzonte degli eventi di uno dei buchi neri più vicini a noi.  


Questa scoperta potrebbe confermare, ma anche smentire, alcune delle principali teorie che sono alla base della nostra comprensione del cosmo, compresa la teoria della relatività di Albert Einstein. L'enorme distanza dalla Terra e la forte attrazione gravitazionaledei buchi neri sono i motivi per cui fino ad ora non erano mai stati fotografati.  Per cinque giorni ad aprile di due anni fa, il progetto Event Horizon Telescope ha puntato otto radiotelescopi situati in varie città del mondo verso il Sagittario A*; messi insieme, gli otto telescopi hanno creato "un telescopio virtuale di dimensioni terrestre". Ciascuno dei telescopi ha raccolto una serie di dati che gli scienziati hanno sperato di sincronizzare e combinare insieme per rivelare l'immagine. I dati sono stati elaborati da computer ed ora si spera di trovare risposta a diverse domande, come la forma dei buchi neri: secondo la teoria della relatività, essi sono circolari, ma altri scienziati ritengono sia "prolata".



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Dopo una breve tregua è atteso il passaggio di una perturbazione che causerà un nuovo deciso peggioramento del tempo
22 OTT
Nubifragi e possibili alluvioni lampo
Allagamenti a Bèziers
23 OTT
Esondazioni nel Sud della Francia, fino a 400 millimetri in 48 ore su diverse località.
16 OTT
300 mm di pioggia sul crinale fecero esondare i torrenti Parma e Baganza
16 OTT
Sarebbero circa sette i miliardi di dollari di danni in tutto il Giappone