In pubblicazione il 20 GIU 2022

Allarme siccità in Italia inascoltato da decenni

Le soluzioni ci sono ma sono state ignorate o osteggiate


Fonte Immagine: MeteoGiuliacci

La prolungata grave siccità in atto Italia non è un evento imprevedibile, anzi era mettere in conto.


La politica del “tiriamo a campà”

Ma come al solito chi ha fin qui gestito la “res Pubblica”, nonostante gli accorati ripetuti appelli da anni da parte del mondo agricolo, ha fin ad oggi ignorato i chiari messaggi inviatici dalla natura, onde non scontentare movimenti estremisti e campanilismi locali che hanno da sempre osteggiato e impedito di mettere mano alla soluzione del problema. Si spiega anche così perché il nostro Paese sia tanto in ritardo nell’affrontare le emergenze climatico-ambientali, anche quelle più evidenti e di cui si ha persino consapevolezza.


La siccità, un evento ormai troppo frequente negli anni ‘2000

La crisi idrica in atto è peggiore persino di quella del 2003, tanto che il Po ha una portata d’acqua inferiore del 72% di quella naturale. La criticità riguarda l’acqua di sorgente, perché in questo inverno, così come in altri inverni del recente passato, ha nevicato poco sulle montagne. Ma la neve è la materia prima che con la sua fusione dovrebbe alimentare i fiumi tra giugno e agosto. L’episodio di grave siccità in atto non è un caso isolato. Infatti, le statistiche climatiche mostrano con chiarezza che negli anni ‘2000 la calamità è diventata via via più frequente e più grave, soprattutto sul Nord Italia. In particolare dal 2000 al 2021 la piovosità sul Centronord è stata inferiore alle media pluriennale in ben13 annate. Le annate con siccità record: 2003, 2011, 2015, 2017 ossia ben tre episodi negli ultimi 10 anni. Un chiaro inascoltato campanello d’allarme. Episodi che con l’inarrestabile surriscaldamento del pianeta – e il Mediterraneo è una delle aree più surriscaldate - diverranno quasi sicuramente ancor più frequenti, più intensi e più duraturi.

Le soluzioni c’erano e ci sono

La strada era ed è quella della creazione di molto piccoli invasi, che non andrebbero neanche a modificare più di tanto il locale paesaggio. Servirebbero per raccogliere l’acqua quando è in abbondanza per restituirla al territorio – non solo all’agricoltura – nei periodi di siccità. Per di più gli invasi sono in grado di difendere il territorio di dai disastri delle inondazioni che, negli ultimi anni, hanno prodotto danni ingenti all’agricoltura e non solo”. Ovviamente anche gli agricoltori possono contribuire alla soluzione dl problema realizzando, per le coltivazioni nelle quali si può, impianti di irrigazione efficienti a manichetta o a goccia. Ed evitando sempre di più l’irrigazione a pieno campo. Tutto ciò per sprecarne il meno possibile.

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

5 FEB
Il nocciolo di aria gelida proveniente dalla Russia sta per portare un'acuta fase di freddo, con valori ovunque ben al di sotto delle medie
4 FEB
La prossima settimana avrà caratteristiche invernali e oltre al gelo ci sarà spazio per la neve
4 FEB
Dopo un'iniziale weekend mite, da Lunedì 6 cambia tutto e ritorna l'Inverno vero
3 FEB
Le proiezioni dei modelli indicano dove cadrà la neve e le possibilità che arrivi anche a Milano
31 GEN
Dodici giorni di neve in Emilia Romagna, Romagna sommersa
29 GEN
Spesso poco prima di una scossa si avverte un boato, ecco la spiegazione
27 GEN
Sul tema "Innovazione tecnologica per il Sociale"
14 DIC
Il capoluogo Emiliano è stato il primo del Nord di bassa quota ad imbiancarsi questa stagione!