In pubblicazione il 20 NOV 2021

Clima, Los Angeles diventerà la città dei pinguini

A causa della deriva dei continenti tra qualche milione di anni il clima di questa città sarà assai diverso


Fonte Immagine: Pixabay modificata

Il clima, si sa, non è statico, è sempre cambiato, e ancora cambierà in futuro. Cambiamenti che possono essere più o meno rapidi, originati da cicli naturali o causati, come ad esempio per il recente Global Warming, da attività antropiche. Ciò che è sicuro è che un giorno tutte le principali città del Mondo avranno un clima molto differente da quello odierno. Un futuro cui è destinata anche Los Angeles, dove spiagge sabbiose e palme un giorno verranno sostituite da ghiaccio e neve, e tutto per colpa della… Deriva dei Continenti!


Il clima al traino della Deriva dei Continenti

Che la deriva dei continenti possa influenzare il clima del Pianeta ce lo suggerisce l’essenza stessa del fenomeno, ovvero il fatto che i continenti si muovano. Oggigiorno difatti le piattaforme glaciali si trovano alle alte latitudini fondamentalmente perché queste regioni ricevono assai meno radiazione solare in confronto a quanto accade alle latitudini tropicali: le basse temperature sono difatti una conseguenza del basso angolo di incidenza con cui la radiazione solare giunge alle latitudini polari, il che implica un minor assorbimento di calore in queste aree geografiche. Insomma, è proprio ai Poli che il ghiaccio ha maggiori possibilità di prendere piede. Al Polo Nord però nel corso di milioni di anni si sono alternati diversi continenti, e altri sono destinati a raggiungere questo punto in futuro. Cosa centra quindi Los Angeles? 


In movimento verso gelo e neve

Grazie al movimento delle placche continentali descritto dalla Tettonica delle Placche, per i poli sono passati uno dopo l’altro tutti i continenti. Prova diretta di questo vagabondaggio dei continenti ce la forniscono anche accurati studi di paleomagnetismo, in grado di fornirci la posizione “apparente” del polo sud nel corso di milioni di anni: posizione apparente perché in realtà non è stato il punto cardinale a muoversi, ma i continenti che lo hanno attraversato. Un osservatore stabile, posizionato sul Polo Sud (cioè il punto più meridionale del nostro Pianeta), nel corso degli ultimi 500 milioni di anni avrebbe visto passare lentamente prima tutto l’odierno continente africano da nord a sud, poi le coste sudorientali dell’odierna America Meridionale e in ultimo, solo a partire da 300 milioni circa di anni fa, l’Antartide, che da lungo tempo sta sfilando, molto lentamente, attraverso il Polo Sud. In questo modo la deriva dei continenti spiega anche eventi climatici che altrimenti di difficile soluzione. Reperti paleoclimatici infatti confermano che laddove oggi si estende il Sahara, circa 430 milioni di anni fa regnavano il ghiaccio e la neve mentre, nello stesso periodo, l’Antartide era una terra ricca di rigogliosa vegetazione tropicale! Insomma, non sempre sono stati il gelo o un clima bollente a piombarci addosso: a volte in passato siamo stati noi, o meglio la terra su cui poggiamo i piedi, ad andare dritti incontro a temperature gelide o roventi. Ed è ciò che accadrà anche a Los Angeles entro qualche decina di milioni di anni: situata proprio sui margini della placca pacifica, che si muove lentamente verso nord, la città patria del cinema infatti verrà inesorabilmente trascinata alle latitudini a cui oggi si trova l’Alaska, alle porte del Circolo Polare Artico, stretta nella morsa del gelo e sepolta sotto coltri di neve. 

 

Potrebbero interessarvi anche questi nostri articoli

FREDDO e NEVE: arrivano davvero? Ecco la VERITA' !!

COP26: successo o flop? Le REAZIONI e gli SVILUPPI FUTURI

Un secolo di NEVE a ROMA

Ecco l'INVERNO PIU' GELIDO del millennio: vi STUPIRA' !!

Il CAMBIAMENTO CLIMATICO stravolgerà le città del FUTURO: ecco come!

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

3 DIC
Freddo neve e gelo nella prima e ultima decade, quella natalizia
3 DIC
Le proiezioni dei modelli fisico-matematici confermano gli scenari nevosi su alcune regioni del nostro Paese
3 DIC
Il fine settimana sarà interessato da temperature basse e precipitazioni diffuse, in alcune zone nevose a bassa quota!
3 DIC
Dal primo weekend di dicembre al ponte dell'Immacolata l'inverno sembra voler dare sfoggio di se, con l'arrivo in Emilia-Romagna di alcuni impulsi freddi e perturbati
17 NOV
Forti temporali con nubifragi e grandinate
12 NOV
Le zone di Catania ed Agrigento quelle piu' colpite dai nubifragi, danni ingenti