In pubblicazione il 5 FEB 2021

CLIMA, un Atlante dei Venti per l’ENERGIA EOLICA

Sarà di aiuto agli ingegneri per scegliere, in ciascuna regione del Mondo, le turbine più idonee


Fonte Immagine: Cornell University/NATURE ENERGY

Un gruppo di studiosi della Corenell University ha da poco compilato un vero e proprio atlante mondiale dei venti di grande utilità per il settore delle energie rinnovabili. Si tratta infatti di un archivio digitale che raccoglie informazioni sui venti più intensi registrati nelle diverse regioni del Pianeta, utile soprattutto per determinare, per ciascuna area, quali siano le turbine eoliche più adatte. Lo studio (“A Global Assessment of Extreme Wind Speeds For Wind Energy Applications”) è stato pubblicato in questo inizio di 2021 sulla rivista scientifica Nature Energy, e nelle intenzioni degli autori dovrebbe favorire l’espansione del settore eolico migliorando i processi di progettazione e, di conseguenza, il rapporto costi/efficienza dei diversi campi eolici.


Del resto quello della produzione di energia eolica è un settore già in forte espansione. Alla fine del 2019 la capacità totale delle turbine eoliche installate in tutto il Pianeta era di circa 651 gigawatts, con una produzione annuale di elettricità di circa 1700 terawatt/ora, pari più o meno al 7,5% del fabbisogno energetico mondiale. La produzione di energia eolica coinvolge più di 90 nazioni, con circa il 90% di tutte le turbine collocate sulla terraferma (appena il 10% è offshore, ovvero in mare).




Paesi produttori di energia eolica (fonte immagine: NATURE ENERGY)

Il maggior produttore di energia eolica è al momento la Cina (36% del totale), seguita dall’Europa (31%), mentre gli USA (17%) si collocano appena al terzo posto, ma in futuro potrebbero aumentare notevolmente il loro contributo, come testimoniato dal fatto che la ricerca stessa della Cornell University è stata finanziata dal Dipertimento per l’Energia degli Stati Uniti. In Europa i maggiori produttori di energia eolica sono Spagna, Germania, Italia, Francia e Regno Unito: in particolare quest’ultima nazione rappresenta anche il maggior produttore mondiale di energia eolica offshore, davanti a Germania e Cina.

In questo contesto di sempre maggior attenzione alla sostenibilità e alla lotta al cambiamento climatico, da tempo oramai anche la Società Meteogiuliacci si è indirizzata fortemente verso l'assistenza alla produzione di energia rinnovabile, attraverso la ricerca e lo sviluppo di prodotti via via più sofisticati e performanti dedicati alle aziende che operano nel settore eolico e fotovoltaico. L'attività di MeteoGiuliacci in questa direzione è ben descritta nel portale dedicato ai servizi tailor made per le aziende: il Centro Servizi Meteo di Meteogiuliacci. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Temperature a 1500m ca nei prossimi 10 giorni
26 FEB
Modelli in parziale disaccordo
26 FEB
Prosegue il dominio incontrastato dell'anticiclone, anche se il suo parziale indebolimento, concederà in Emilia-Romagna un lieve calo delle temperature e un ritorno a valori più consoni del periodo
26 FEB
Le ultime proiezioni dei modelli previsionali indicano la probabile data del prossimo generalizzato peggioramento del tempo
25 FEB
Fa caldo per il periodo...troppo caldo! Le conseguenze
27 FEB
Recenti ricerche confermano che il cambiamento climatico potrebbe avere un notevole impatto negativo sui raccolti del futuro
27 FEB
Secondo la statistica climatica https://www.youtube.com/watch?v=IcOh1T7NR8I
24 FEB
Temperature insolitamente miti in un’ampia fetta del continente asiatico con veri e propri valori record in Cina, Mongolia e Giappone
23 FEB
Statistiche e curiosità riguardanti le nevicate che hanno imbiancato la Capitale nel corso degli ultimi 100 anni