In pubblicazione il 15 NOV 2021

COP26, è davvero solo BLA BLA BLA o c’è qualcosa di buono? Ecco i RISULTATI

Si è da poco conclusa l’annuale conferenza ONU sullo stato del clima e delle politiche per combattere il cambiamento climatico, con risultati contrastanti


Fonte Immagine: COP-26

Non c’è dubbio: le attese erano tante! Del resto, a poche settimane dall’uscita dei dati scientifici dell’ultimo rapporto IPCC (AR6), non poteva essere altrimenti: le ricerche condotte da climatologi e meteorologi di tutto il Mondo infatti hanno confermato come il clima sia cambiato rapidamente anche negli ultimi anni, con temperature medie sempre più alte e fenomeni meteo estremi via via più frequenti. Ecco perché in molti ritenevano necessaria un’accelerazione delle politiche di mitigazione e adattamento e, in particolare, una più rapida transizione energetica che consenta di abbandonare presto i combustibili fossili. Risultato raggiunto o, al contrario, la COP-26 si è tradotta in un fallimento?


Nazioni in difficoltà, per adesso nessun aiuto

Come ha sottolineato anche Guterres, segretario generale ONU, le divisioni tra i vari paesi e la protezione degli interessi nazionali hanno impedito che si raggiungessero alcuni importanti traguardi. Innanzitutto i vincoli sugli impegni che ciascuna nazione ha preso appaiono poco stretti, lasciano spazio a preoccupanti ritardi: se è vero che le azioni per intraprendere gli impegni presi devono essere attivate entro il 2025, è anche vero che si concede, ai paesi che dovessero avere difficoltà a organizzarsi per tempo, di rimandare tutto al 2030. Ma, secondo i risultati scientifici mostrati dal IPCC, potrebbe essere troppo tardi per limitare il cambiamento climatico entro valori accettabili. Ma forse il vero fallimento dell’ultima COP è quello che riguarda gli aiuti ai paesi più in difficoltà, quelli in via di sviluppo e quelli che stanno patendo le conseguenze peggiori del cambiamento climatico: doveva essere l’anno della svolta, per trovare finalmente i 100 miliardi di dollari per finanziare queste nazioni, ma non si è raggiunto alcun accordo e tutto è stato (di nuovo) rimandato. Insomma, ci sono diverse note dolenti. Quindi, come sostiene Greta Tumberg, si è trattato solo di chiacchiere, di un rumoroso e inutile bla bla bla? In realtà no, dall’ultima COP sono usciti anche risultati importanti.


Cambio di marcia sull’adattamento

Innanzitutto è stato ribadito con forza l’impegno a mantenere il surriscaldamento del Pianeta entro 1,5 gradi rispetto all’era pre-industriale. Insomma, sulla necessità di combattere il cambiamento climatico, c’è ampio consenso. Un consenso che ha prodotto anche la promessa di tutti i paesi di milgiorare i propri impegni per combattere il cambiamento climatico, con proposte migliorative da presentare alla COP che si terrà il prossimo anno in Egitto. Importantissimo anche l’accordo tra USA e Cina per lavorare assieme a favore della tutela dell’ambiente. Ma forse il risultato più importante è quello relativo all’adattamento: si è deciso infatti di raddoppiare le risorse da dedicare a livello globale alle politiche di adattamento, cioè a tutte quelle misure che possono contribuire a limitare le dannose conseguenze del cambiamento climatico. E allora, si è trattato solo di bla bla bla o è stato un successo? Probabilmente, come ha suggerito anche Guterres, la verità sta nel mezzo: senz’altro sarebbe stato meglio fare di più, ma si tratta comunque di un passo avanti nella lotta al cambiamento climatico.

 

Gli approfondimenti del TEAM DI ESPERTI MeteoGiuliacci

Metà novembre: SORPRESE NEVOSE? Vediamo le IPOTESI

Cambiamento climatico, ecco come cambieranno le città del futuro: epocali mutazioni che faranno paura!

Meteo MILANO, ecco quando potrebbero arrivare FREDDO e NEVE!

Come cambierà in FUTURO la NEVE? Leggete, VI STUPIRA' !!

Al Polo Nord NEVICA TANTO? E' falso! Ma come è possibile?



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

3 DIC
Freddo neve e gelo nella prima e ultima decade, quella natalizia
3 DIC
Le proiezioni dei modelli fisico-matematici confermano gli scenari nevosi su alcune regioni del nostro Paese
3 DIC
Il fine settimana sarà interessato da temperature basse e precipitazioni diffuse, in alcune zone nevose a bassa quota!
3 DIC
Dal primo weekend di dicembre al ponte dell'Immacolata l'inverno sembra voler dare sfoggio di se, con l'arrivo in Emilia-Romagna di alcuni impulsi freddi e perturbati
17 NOV
Forti temporali con nubifragi e grandinate
12 NOV
Le zone di Catania ed Agrigento quelle piu' colpite dai nubifragi, danni ingenti