In pubblicazione il 20 GEN 2021

Ecco una SCIENZA davvero strana: la TEMPESTOLOGIA

Una disciplina particolare, che tenta di ricostruire il passaggio di violente tempeste formatesi in tempi lontani


Fonte Immagine: Pixabay

Probabilmente ne sono al corrente in pochi, ma recentemente è nata una nuova disciplina scientifica, la Tempestologia, che si occupa della ricerca e dello studio delle tracce lasciate nel passato da grandi e violente tempeste. Pioniere di questa giovane scienza è il geochimico Schrag, che assieme ad altri ricercatori setaccia sedimenti oceanici e fondali lacustri in cerca degli “indizi” lasciati in giro per il Mondo da cicloni tropicali “antichi”. 


Le grandi ondate di marea che solitamente accompagnano gli uragani più violenti in tempi lontani hanno infatti trasportato sabbia marina in zone dell’entroterra continentale americano, lasciando uno strato grezzo di sedimenti sul fondo dei laghi posti nelle vicinanze della costa. I sedimenti raccolti nel Lago Shelby, nella zona costiera dell’Alabama, hanno ad esempio rivelato che uragani di categoria 4 o 5, ovvero quelli più intensi e distruttivi, colpiscono questa regione degli Stati Uniti almeno una volta ogni 600 anni. Ma i metodi di indagine di questa nuova scienza non sfruttano solo il setaccio del fondo dei laghi. Le tempeste tropicali più intense infatti sono in grado di sollevare sedimenti anche dai tratti marini poco profondi, creando sul fondale leggeri pendii, e dall’esame di tali strati i ricercatori possono ricostruire l’attività degli uragani anche su periodi di tempo molto lunghi


Anche il sottosuolo però a volte fornisce preziose informazioni. Nelle Bermuda ad esempio le stalagmiti delle grotte si sono rivelate buoni indicatori del passaggio di uragani: le abbondanti piogge che solitamente cadono dalla spessa coltre di nubi dei cicloni tropicali difatti hanno particolari proprietà chimiche, quasi una firma impressa nelle rocce quando l’acqua piovana penetra nel suolo fino a depositarsi nelle caverne. Analizzando e datando sezioni di stalagmiti è così possibile tenere il conto del numero di uragani che sono passati sulla zona durante un dato periodo di tempo. 

Ci sono poi l’archeologia e la storiografia, che aiutano anch’esse a svelare dove nel lontano passato siano passati dei cicloni tropicali. La prima testimonianza umana dell’esistenza degli uragani in effetti è rimasta impressa nei geroglifici della civiltà Maya, mentre documenti d’epoca narrano che la piccola città di Isabella, fondata sull’Isola di Hispaniola da Colombo, divenne il primo insediamento europeo ad essere raso al suolo da un ciclone tropicale.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Temperature a 1500m ca nei prossimi 10 giorni
26 FEB
Modelli in parziale disaccordo
26 FEB
Prosegue il dominio incontrastato dell'anticiclone, anche se il suo parziale indebolimento, concederà in Emilia-Romagna un lieve calo delle temperature e un ritorno a valori più consoni del periodo
26 FEB
Le ultime proiezioni dei modelli previsionali indicano la probabile data del prossimo generalizzato peggioramento del tempo
25 FEB
Fa caldo per il periodo...troppo caldo! Le conseguenze
27 FEB
Recenti ricerche confermano che il cambiamento climatico potrebbe avere un notevole impatto negativo sui raccolti del futuro
27 FEB
Secondo la statistica climatica https://www.youtube.com/watch?v=IcOh1T7NR8I
24 FEB
Temperature insolitamente miti in un’ampia fetta del continente asiatico con veri e propri valori record in Cina, Mongolia e Giappone
23 FEB
Statistiche e curiosità riguardanti le nevicate che hanno imbiancato la Capitale nel corso degli ultimi 100 anni