In pubblicazione il 25 DIC 2020

Gli uragani nevosi

Talvolta anche i cicloni tropicali, che solitamente si fa fatica ad associare al maltempo invernale, sono capaci di scatenare colossali nevicate


Fonte Immagine: Pixabay

Quando si sente parlare del tempo estremo che accompagna gli uragani ci si immagina un po’ di tutto, dalle piogge torrenziali ai venti violentissimi fino alle inondazioni causate dall’innalzamento del mare. Se c’è invece un fenomeno meteorologico che si fa davvero fatica ad associare a queste potenti tempeste tropicali è la neve. 


Eppure anche il tanto celebre uragano Sandy, che nell’ottobre del 2012 ha colpito duramente il Nordest degli USA, durante il suo passaggio sul territorio nord-americano ha portato abbondanti nevicate in molti stati, compresi Virginia, New Jersey, Tennessee e Kentucky. Nello spingersi fino a latitudini così alte infatti l’uragano Sandy si è fuso con una gelida perturbazione proveniente da nord, favorendo così lo scontro fra masse d’aria molto calde e umide e correnti decisamente più fredde, con la conseguente formazione di abbondanti nevicate. Un evento decisamente raro, ma già visto nel passato degli Stati Uniti. 


Nella memoria degli americani è rimasto impresso soprattutto il ricordo del violento ciclone tropicale che, noto anche come Snowicane (da Snow e Hurricane, ovvero “Uragano di Neve”), tra 9 e 11 ottobre del 1804 coprì di neve grosse fette di Canada Orientale e Nordest degli USA. Quel ciclone tropicale, una volta investite le coste del New Jersey, muovendosi nell’entroterra, risucchiò prepotentemente una massa d’aria gelida che nel frattempo si era avvicinata dalle alte latitudini, e così le sue piogge torrenziali si trasformarono in violente bufere di neve. Nell’arco di poco più di un giorno, in alcune zone del New England il manto nevoso raggiunse quasi il metro di altezza, e sotto l’improvviso peso delle grandi quantità di neve interi frutteti crollarono al suolo, mentre il gelo precoce, accentuato da vento e violente precipitazioni, fece letteralmente strage di pollame, pecore e mucche. I danni insomma furono ingenti, anche se, caso strano, fortunatamente si contarono appena nove vittime. 


Uragano Ginny (fonte: NASA)

Questo rimane il primo e più clamoroso episodio di “nevicata da uragano” nella storia degli Stati Uniti, ma oltre al già citato evento associato al passaggio dell’uragano Sandy, in almeno un’altra occasione un ciclone tropicale ha risucchiato freddo e neve sul Nord America: è capitato con l’uragano Ginny, che a fine ottobre del 1963 imbiancò con quasi mezzo metro di neve ampie porzioni del Maine.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

27 GEN
Si aprirà una fase caratterizzata da umido e mite flusso atlantico, con maltempo diffuso su gran parte del Paese
26 GEN
In Emilia-Romagna si profila una parantesi con clima relativamente asciutto e freddo fino a giovedì, quando le condizioni meteo torneranno nuovamente a cambiare
25 GEN
Vediamo insieme come si presenterà il tempo fino a Domenica prossima inclusa
24 GEN
Discesa fredda, fiocchi fino in pianura
21 GEN
Le temperature medie planetarie continuano a salire e anche il 2020 ha stabilito numerosi record in diverse regioni del Mondo, compresa l'Europa
20 GEN
Una disciplina particolare, che tenta di ricostruire il passaggio di violente tempeste formatesi in tempi lontani