In pubblicazione il 22 NOV 2020

La fusione dei ghacci polari bloccherà la Corrente del Golfo e quindi anche il Global Warmig? Forse...ma...

Ancora troppo incertezze circa le reazioni e controreazioni indotte dal surriscaldamento del pianeta


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

In un recente articolo meteogiuliacci.it/clima/declino abbiano parlato, speranzosi, circa l'attenuazione futura del Global Warming (GW) qualora il forte declino dell'attività solare atto da circa 20 anni  dovesse poreguire fino a sfiorare un azzeramento delle  macchie solari, come avvenne nella piccola Era Glaciale.



Ma occore ossrevaredell'attivitàii dell'Il clima è sempre cambiato. Anche Virgilio nelle georgiche scriveva “ le stagioni non più quelle”. 

E i cambiamenti avvenuti nelgli ultimi 10 mila anni sono dovuti non solo alla mutevole attività solare - che  comunque è e rimane la principale "forzante" del clima  nell'ambito delle "cause naturali" di cambiamento del clima. Basta ricordare il riscaldamento medievale durato circa 300 anni, seguito a ruota dalla piccola era glaciale tra il 1500 e il 1880.

 

Le reazioni e controreazioni scatenati dal Global Warimng

Ma la natura tende a stabilizzare  o destabilizzare il clima attraverso reazioni note come feedback climatici. 

I feedback climatici sono processi che possono sia amplificare che diminuire gli effetti del Global Warming.

Un feedback che aumenta il riscaldamento iniziale è chiamato "feedback positivo"; un feedback che riduce un riscaldamento iniziale è un "feedback negativo". 

La difficoltà di prevedere  il clima futuro è dovuta prevalentemente al fatto che in genere una medesima causa naturale di mutamento del clima povoca sia un feedback positivo che negativo con coseguente incertezza su quale dei due effetti scatenati prevalga sull'altro

 

"Forzanti" climatiche  danno luogo sia a  feedback potivo che negativo 

OCEANI PIU CALDI

Oceani più caldi aumentano  l’effetto serra. (Feedback positivo)

Gli oceani sono un importante pozzo per la CO2 attraverso l'assorbimento del gas alla superfice del mare. All'aumentare della CO2, e quindi dell’effetto serra, aumenta il riscaldamento dell’atmosfera e degli oceani. Ma la rimozione di CO2 diminuisce con l'aumentare della temperatura degli oceani. La maggiore CO2 aumenterebbe ulteriormente la temperatura dell’atmosfera.

Oceani più caldi, più nubi, meno calore solare in arrivo (Feedback negativo).                  

Ecco l’altra faccia della medaglia. Un oceano più caldo evapora di più. Ma più vapore nell’atmosfera significa anche più nuvole, soprattutto quelle basse. Ma più nuvole riducono del 70% circa la radiazione solare in arrivo e quindi raffreddano la terra.

AUMENTO SUPERFICIE DELLE FORESTE

L’aumento delle foreste raffredda il pianeta (Fedback negativo). 

Le foreste rimuovono circa la metà delle emissioni di  CO2 dall'atmosfera ogni anno e quindi tendono a rallentare il riscaldamento del pianeta.

L’aumento delle foreste aumenta il calore solare immagazzinato al suolo (Feedback positivo)

Le foreste riflettono appena il 10-15% della radiazione solare.  Un aumento della copertura forestale là dove prima vi erano prati i prati, comporta un aumento del 10%  circa del calore solare assorbito dal suolo e quindi un riscaldamento della terra.

 

FUSIONE DEI GHIACCI POLARI

Meno ghiacci polari e più calore solare immagazzinato al suolo (feedback positivo).                               

Il ghiaccio è bianco e molto riflettente, in contrasto con la superficie dell'oceano, che è scuro e assorbe il calore più velocemente. Se l'atmosfera si riscalda e il ghiaccio marino si scioglie, l'oceano che sostituisce il ghiaccio assorbe più calore, provoca lo scioglimento di più ghiaccio e rende la Terra più calda in generale.

Meno ghiacci, si arresta la corrente del Golfo (Feedback negativo): 

L’acqua di fusione dei ghiacci arresterebbe in un futuro più o meno prossimo la Corrente del Golfo la quale fornisce il 20%  circa del calore disponibile alle alte latitudini europee. Ma l’arresto della Gulf Stream farebbe  crollare le temperature sul Nord Europa con probabile…ritorno dei ghiacci polari! 

 

VENTI PIU' VELOCI

Con il Global Warming venti più veloci, più nuvole, meno calore solare in arrivo (Feedback negativo)

Con il riscaldamento globale la velocità globale dei venti aumenterebbe causando una maggiore stress delle acque superficiali oceaniche, con conseguente maggiore immissione di vapore acqueo e sale marino nell’atmosfera e quindi un aumento della nuvolosità bassa, Ma le nuvole basse, come abbiamo già visto, raffreddano la terra.

Con il riscaldamento venti più veloci, più CO2 nell’atmosfera, più effetto serra (feedback positivo).

Il maggior rimescolamento ad opera del vento  degli strati superficiali oceanici, porterebbe in superficie, e da qui nell’atmosfera, maggiori quantità di CO2 immagazzinata nelgi oceani e quindi un aumento dell’effetto serra e della temperatura della terra.

 

Conclusioni

Visto l’aumento in atto della temperatura del pianeta, dobbiamo prendere in atto che ad oggi i feedback positivi prevalgano su quelli negativi. 

Ma sarà sempre così? Nessuno sa rispondere perché i modelli climatici schematizzano in maniera molto rozza i vari feeback e per di più si è quasi certi che vengano scoperti altri feedback fin ora rimasti celati



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

7 MAR
Contesto di venti occidentali, ampie schiarite ma qualche addensamento sempre possibile.
7 MAR
La nuova perturbazione porterà le sue piogge sulle regioni centrali e meridionali, mentre il Nord rimarrà escluso dalla fase di maltempo
6 MAR
Un’altra perturbazione raggiungerà l’Italia e causerà un nuovo peggioramento del tempo su numerose regioni
6 MAR
La perturbazione giunta dal Nord Europa sta facendo sentire i suoi effetti su molte zone del Paese
7 MAR
I cambiamenti cui andrà incontro la circolazione atmosferica avrà ripercussioni importanti anche sul moto ondoso medio
3 MAR
Nuovi dati mostrano, su scala planetaria, un innalzamento del livello dei mari pari a quello descritto dagli scenari peggiori
2 MAR
Evacuazioni da parte delle autorità locali