In pubblicazione il 28 GEN 2021

La grave siccità della Turchia

Il paese sta attraversando un lungo periodo caratterizzato da precipitazioni scarse, con un conseguente importante deficit idrico


Fonte Immagine: NASA

Le riserve idriche a cui attinge Istanbul hanno toccato i livelli più bassi degli ultimi 15 anni, ma non è solo la capitale ad essere assetata: tutta la Turchia sta vivendo un severo e prolungato periodo di siccità, iniziato quasi due anni fa. L'estate e l'autunno del 2019 si sono infatti rivelati eccezionalmente asciutti e, a seguire, il 2020 in Turchia è stato il più secco degli ultimi 5 anni, assai avaro di piogge soprattutto nella seconda metà.


Nell'ultimo trimestre del 2020, su scala nazionale, la Turchia ha ricevuto appena il 48% delle piogge normalmente attese in base alla media del trentennio 1981-2010: un deficit di pioggia assai importante, che ha causato uno stress idrico davvero notevole, come confermato anche dalla mappa che riporta i dati raccolti dai satelliti della NASA. Le aree colorate di rosso più acceso indicano infatti zone in cui la falda acquifera, dal 1848 a oggi, ha vissuto uno stress idrico così intenso solo nel 1-2% delle annate: come dire che in molte di queste regioni si potrebbe trattare di un deficit senza precedenti negli ultimi 170 anni.




Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 GIU
I meteorologi elaborano “previsioni” e non “certezze”, come del resto implicito nel concetto di “previsione”
22 GIU
Anche in Emilia si faranno sentire gli effetti dell’alta pressione africana che ha stretto d’assedio l’Italia
21 GIU
Ulteriore ridimensionamento da parte dei modelli in data odierna (21 giugno)
21 GIU
La bollente alta pressione di matrice africana farà sentire i suoi effetti soprattutto all’estremo, con le temperature più alte in Sicilia
21 GIU
Notte difficile su diverse regioni della Penisola
17 GIU
Sopra 29 gradi solo 30 località su 130
1 GIU
Auto trascinate via dalla furia dell'acqua, danni pesanti