In pubblicazione il 13 GEN 2020

Non ci sono più le nebbie di una volta

Un calo forte calo rispetto agli anni ‘60/’70. Ecco perché


Fonte Immagine: pinterest.com

 

Negli anni ‘60-‘70 era pesante il consuntivo annuale dei danni diretti o indiretti provocati dalle nebbie invernali:3000-4000 voli cancellati, con circa 300.000 passeggeri costretti a rimanere a terra, 2000-3000 incidenti stradali con più di 100-150 morti, un costo per la società di circa un migliaio di miliardi di danni. Ma, nonostante il vertiginoso aumento del traffico aereo e stradale verificatosi nell’ultimo ventennio, il resoconto annuale dei danni è addirittura diminuito nell’ultimo decennio perché nel contempo le nebbie sono divenute molto meno frequenti che nel trentennio 50-80, una tendenza che ha mostrato una forte accelerazione negli anni ‘90.

 

Adesso calate quasi del  70% rispetto agli anni ‘60/’70

Ad esempio, Milano-Linate, negli anni ’60/’70 si registravano in media 1500 ore all’anno con nebbia. Negli anni recenti invece le ore con nebbia si aggirano intorno 400-600. con una diminuzione media del 70%. Analoghe riduzioni sono state osservate però sia nella Val Padana che nelle valli del Centro: 50% ad Ancona,Pescara e Firenze, 45% a Torino, 42% a Roma Urbe, 30% a Vicenza e Bologna, 27% a Venezia, 25% a Brescia e Piacenza.

 


Due i fattori che hanno favorito il calo delle nebbie

La causa più credibile di questa riduzione è in primo luogo l’aumento delle temperature minime notturne invernali le quali, in Italia, nel corso degli ultimi 40 anni, sono salite in media di 1.5° C rispetto al trentennio precedente. E, siccome le nebbie,almeno sul Centronord della penisola sono provocate, nella quasi totalità dei casi, dal raffreddamento notturno in presenza di cielo sereno, è allora ovvio che, con notti invernali mediamente più calde che nel passato, aumenta la probabilità che il raffreddamento notturno risulti talvolta insufficiente nel provocare la condensazione del vapore acqueo nelle microscopiche goccioline di nebbia.

Ma questa non è l’unica giustificazione plausibile della riduzione dell’incidenza delle nebbie.

Infatti nel favorevole andamento del fenomeno ha senza dubbio influito anche la drastica riduzione negli ultimi decenni del tenore di zolfo nei combustibili fossili per trazione o riscaldamento e che ha ridotto di quasi il 90% l’immissione nell’atmosfera del biossido di zolfo. Cosa c’entra il biossido di zolfo con la nebbia? Ebbene giova ricordare la formazione delle goccioline di nebbia è possibile soltanto se nell’atmosfera vi è un numero sufficiente di nuclei di condensazione, particelle  igroscopiche di qualche millesimo di millimetro di diametro in sospensione nell’atmosfera e che hanno la proprietà di far coagulare su se stesse qualche miliardo di molecole di vapore acqueo. I nuclei di condensazione provengono in genere dal pulviscolo naturale  (nitrati) e dal sale marino immessi nell’ara dal vento ma, nelle aree fortemente industrializzate o urbanizzate, tendono a prevalere i nuclei di condensazione, solidi o gassasi, originati dalla combustione degli idrocarburi.

In particolare, il biossido di zolfo, combinandosi con l’ossigeno dell’aria, si trasforma in anidride solforosa che, a sua volta, in presenza di vapore acqueo, si trasforma in microscopiche particelle di acido solforico e poi in solfato, un composto notoriamente dotato di un forte potere igroscopico e che funge pertanto da ideale nucleo di condensazione. Pertanto l’impiego sempre più massiccio di combustibili BTZ ( Basso Tenore di Zolfo ) fa sì che nell’atmosfera vi sia, rispetto al passato, una minore concentrazione di nuclei di condensazione idonei a favorire la genesi delle goccioline di nebbia.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

14 LUG
Cosa c'è di vero sulla (Possibile) ondata di caldo a fine mese? E agosto, come sarà? Possiamo già dare qualche delucidazione?
13 LUG
Continua il periodo caratterizzato da clima gradevole e caldo senza eccessi su tutto il paese.
12 LUG
Settimana gradevole per le regioni centro-meridionali. Sole sulle coste, temporali qua e là sui rilievi, caldo normale e niente afa
10 LUG
Allerta arancione in Lombardia: gialla su diverse regioni del Nord
13 LUG
Continuiamo il nostro viaggio attraverso i climi dell’Europa analizzando quello di questi due paesi dell’Europa Orientale
13 LUG
Distintamente avvertita dalla popolazione
12 LUG
E' proprio grazie alle loro eruzioni di qualche milione di anni fa che l’atmosfera ha la attuale composizione chimica...