In pubblicazione il 16 LUG 2019

Spiagge italiane: le più calde, le più ventilate, le più “temporalesche”

Lungo gli oltre 7000 chilometri delle nostre coste le caratteristiche climatiche fondamentali possono variare anche di molto


Fonte Immagine: Pixabay

 

Da una regione all’altra le spiagge del nostro paese presentano caratteristiche diverse, in alcuni casi ideali a chi fugge da caldo intenso e afa, in altre ottime per chi è alla ricerca della tintarella perfetta.

Lungo le coste venete ad esempio difficilmente le temperature raggiungono valori particolarmente elevati, e grazie alla costante ventilazione il caldo non di solito è molto afoso; il rovescio della medaglia è che il brontolio dei temporali risulta più frequente che in altri litorali del Paese.

Lungo le coste del Medio Adriatico, dalla Romagna giù fino all’Abruzzo, i temporali sono invece più rari, ma in compenso il caldo è normalmente più intenso e soprattutto più afoso. Insomma, scendendo verso sud lungo l’adriatico, qualche sprazzo di sole in più si paga al prezzo di un caldo più “fastidioso”.

Le spiagge in cui il caldo è più intenso sono però quelle del Basso Tirreno e delle Isole Maggiori, dove i raggi del sole scottano di più: insomma, le coste giuste per chi vuole abbronzarsi a puntino! C’è però qualche differenza da una zona all’altra: mentre in Calabria, Campania e in Sicilia Orientale il caldo è anche solitamente molto afoso e poco ventilato, in Sardegna e in Sicilia Occidentale  l’afa è al contrario quasi assente, a spese di giornate che però di frequente risultano ventose.


Puglia, Basilicata e versante ionico della Calabria, grazie alle grandi quantità di sali marini normalmente presenti nell’aria, sono invece le spiagge ideali per chi soffre di patologie delle vie respiratorie.

E per chi vuol godere dei piaceri del mare, senza soffrire troppo caldo o troppa afa, e magari godendo di una gradevole ventilazione, le spiagge giuste sono quelle di Liguria e Versilia, tra l’altro ideali, proprio grazie al debole disagio da afa e alle più basse concentrazioni di raggi solari, sia per i cardiopatici che per gli individui dalla pelle delicata e soggetta a scottature.

Molto simili a Versilia e Liguria, ma con un sole che brucia appena un po’ di più e l’afa leggermente più fastidiosa, anche le coste del Medio Tirreno (Lazio e gran parte della Toscana): insomma, scendendo poco più a sud, ecco che si guadagna più tintarella, ma si deve anche sopportare più caldo.         



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 GEN
Una perturbazione aggiungerà l'Italia e farà sentire in suoi effetti, in termini di piogge e nevicate, soprattutto nel fine settimana
21 GEN
L’aria “pulita” in natura non esiste né è mai esistita. La naturale composizione dell’aria
21 GEN
Gran parte del mese di Gennaio sembra scorrer via senza grossi sussulti sul vecchio continente
20 GEN
Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità
22 GEN
La media è quasi di 10°C superiore
22 GEN
Danni pesantissimi a causa delle devastanti mareggiate, tanta neve in montagna
22 GEN
Dopo siccità ed incredibili incendi arrivano forti temporali
22 GEN
Il fumo alla fermata dell’autobus… e le scorregge? tratto da www.aduc.it