In pubblicazione il 10 NOV 2020

10 Novembre 1918, forte scossa di terremoto in Romagna

Circa 20 le vittime, molti i danni


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

L'Appennino romagnolo è una delle zone piu' sismiche in Emilia Romagna. Negli anni della prima guerra mondiale la situazione qui fu pesantissima a causa anche di una serie di forti terremoti. Nel 1916 un forte sisma di magnitudo 5.8 colpi' l'area di Rimini, Riccione e Cattolica il 17 maggio mentre una seconda forte scossa, di magnitudo 5.9, colpi' il 16 agosto sempre quella zona con crolli importanti. 


Nel 1917 una nuova forte scossa di magnitudo 5.9 il 26 aprile colpi' la Val Tiberina con danni fra Toscana ed Umbria ma anche nei borghi dell'alto Appennino romagnolo.
Nel pomeriggio del 10 novembre 1918, invece, un forte terremoto di magnitudo 5.8 colpì l’Appennino forlivese con i massimi effetti a Santa Sofia, Galeata, Mortano, Bagno di Romagna con gravi danni alle abitazioni. I morti furono una ventine e centinaia i feriti.




Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

4 MAR
L'alta pressione proteggerà il Nord Italia mentre lascerà il resto del Paese esposto agli effetti di una circolazione depressionaria
4 MAR
Grandi nevicate non meno note colpirono la nostra regione alle porte della primavera. Una di queste va ricordata nel periodo dal'1 al 4 marzo 2011
3 MAR
Dopo una fase di alta pressione, riecco la pioggia.
3 MAR
Dopo una lunga fase di tempo stabile e asciutto e atteso l'arrivo di una perturbazione che porterà maltempo su molte regioni
3 MAR
Nuovi dati mostrano, su scala planetaria, un innalzamento del livello dei mari pari a quello descritto dagli scenari peggiori
2 MAR
Evacuazioni da parte delle autorità locali
1 MAR
Vapore acqueo, ossigeno e quindi la vita, impossibili senza l'aiuto dei vulcani
27 FEB
Recenti ricerche confermano che il cambiamento climatico potrebbe avere un notevole impatto negativo sui raccolti del futuro