In pubblicazione il 9 GEN 2019

Due anni fa la tragedia dell'Hotel Rigopiano | VIDEO

29 le vittime, enorme valanga distrugge l'Hotel Rigopiano

 

 

Esattamente due anni fa, il 18 gennaio 2017, una valanga di proporzioni gigantesche si verifico' in Abruzzo nel comune di Farindola. La slavina, distaccatasi da una cresta sovrastante, ha investito l'albergo Rigopiano-Gran Sasso Resort, causando 29 vittime. Il disastro è stato provocato sia dall'enorme quantità di neve caduta, fino a 4 metri, sia dalle diverse scosse di terremoto avvenute in quella mattinata con magnitudo fino a 5.4 nella zona di Amatrice. La forte nevicata aveva bloccato l'unica via di comunicazione che collega l'albergo col fondovalle ma nessuna turbina spazzaneve è stata utilizzata per liberare la strada. La valanga si è staccata nel pomeriggio dal massiccio orientale del Gran Sasso tra il Vado di Siella (1.725 m) e il Monte Siella (2.027 m), incanalandosi nella Grava di Valle Bruciata, un canalone coperto da un faggeto, sino a raggiungere l'albergo Rigopiano, che pare essere sorto su un pianoro di detriti venuti giù a valle con altre valanghe e che costituiva l'ampliamento di un ex rifugio di montagna precedentemente gestito dal CAI. Dopo non aver dato ascolto ai primi allarmi perchè ritenuti non attendibili la macchina dei soccorsi è partita dopo le 19.30 ma ha dovuto fare i conti con metri di neve sulla strada: anche l'avanzata della turbina spazzaneve è stata ostacolata dalla presenza di tronchi e detriti mescolati a neve sulla strada. Vista la nevicata incessante, e nell'impossibilità di utilizzare elicotteri per il maltempo, i soccorritori della Guardia di Finanza e del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (CNSAS) decidono di staccarsi avanzando con gli sci dalla colonna dei mezzi di soccorso che proseguiva con la turbina spazzaneve, dirigendosi alla volta dell'hotel. Dopo più di due ore di avvicinamento, il gruppo riesce a raggiungere l'hotel verso le quattro del mattino, soccorrendo i due superstiti, un ospite ed un impiegato dell'albergo, che nel frattempo avevano trovato rifugio in un'autovettura. Le operazioni di ricerca sono terminate il giorno 26 con il bilancio finale di 29 vittime e 11 superstiti.




Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

16 GEN
Correnti Atlantiche tornano progressivamente a fluire sul Mediterraneo
Correnti a 5500m tra il 20 e il 23 gennaio
15 GEN
Le proiezioni odierne confermano la nostre ripetute previsioni al riguardo
14 GEN
L'alta pressione delle Azzorre prenderà il comando della Penisola. Solo una breve parentesi (per il Centro Sud)
14 GEN
Ulteriore rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali, anche sui settori adriatici meridionali e lungo i restanti settori ionici
15 GEN
Forte scossa di terremoto avvertita dalla popolazione. Gente in strada su tutta la costa Romagnola
Raffiche di vento in km/ora il 14 gennaio
14 GEN
E' giunto il Foehn in Val Padana