In pubblicazione il 2 GEN 2019

Il catastrofico terremoto del Fucino, era il 13 Gennaio 1915

Trentamila le vittime, paesi distrutti tra Abruzzo e Lazio


Fonte Immagine: web

 

Il 2019 ha esordito portando fuori ricordi decisamente poco piacevoli nella zona del Fucino. Una scossa di magnitudo 4.1 ha spaventato i paesi posti tra Abruzzo e Lazio, scossa che si è avvertita fino ai Castelli romani. La zona, purtroppo, non è nuova a questi eventi, anzi, è famosa per uno dei terremoti piu' distruttivi di sempre. Proprio tra pochi giorni, il prossimo 13 Gennaio, ricorrerà il 105° anniversario del terremoto di magnitudo 7.0 che distrusse moltissimi paesi nel Fucino, compresa la città di Avezzano. Ben 30.519 le vittime stimate da questo tremendo sisma: Avezzano, principale centro amministrativo dell’area, perse più dell’80% dei suoi abitanti (10.700 morti su un totale di poco più di 13.000 residenti). Gli effetti più distruttivi interessarono non solo l’area del Fucino ma anche la Val Roveto, il Cicolano e la zona di Sora, nel Frusinate. Danni di varia entità furono complessivamente riscontrati in circa 700 località sparse in un’area molto vasta, estesa a 6 regioni: Abruzzo, Lazio, Molise, Marche, Umbria e alcune località del Casertano, in Campania. Fra le città danneggiate anche Roma, dove decine di edifici e di chiese rimasero lesionati e ci furono alcuni crolli.

Il terremoto non fu preceduto da scosse premonitrici.


 



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola