In pubblicazione il 20 LUG 2019

Incendi al Centro Sud Italia: un lavoro estenuante dei vigili del fuoco

Poche o nulle notizie dai telegiornali, solo spazio alle vacanze o alle file in autostrada


Fonte Immagine: Protezione Civile

 

Poche parole per quello che sta accadendo o è accaduto nel nostro centro sud italiano. 

La flotta dei Canadair e degli elicotteri dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile sono stati impegnati negli ultimi giorni nelle attività di contenimento e spegnimento dei numerosi incendi che hanno colpito alcune aree della Sicilia e della Campania.

Moltissime le richieste pervenute nel centro operativo italiano della Protezione Civile: dalla Sicilia, Calabria, Lazio, Campania e Liguria.

L’intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei - 13 Canadair e 4 elicotteri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, ai quali si aggiungono 3 elicotteri del Comparto Difesa - ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 9 dei focolai presenti sul territorio nazionale. 

Un lavoro incessante dai vigili del fuoco e dai volontari per l’attività di lancio di acqua e liquido ritardante, un lavoro che proseguirà finché non saranno sotto controllo tutti i focolai.


La situazione più critica si è registrata in Sicilia, in particolare a Catania, dove a causa dell’incendio in prossimità del litorale della Playa, la Prefettura ha attivato il Centro di Coordinamento Soccorsi per coordinare le operazioni di intervento in città e in provincia. A seguito dei roghi nella zona balneare, un centinaio di persone sono state evacuate in via precauzionale.

È utile infine ricordare che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da comportamenti superficiali o, spesso, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente al numero di soccorso del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco 115 o, dove attivato, al numero unico di emergenza 112 anche per le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo. 

Fornendo informazioni il più possibile precise, si contribuisce in modo determinante nel limitare i danni all’ambiente, consentendo a chi dovrà operare sul fuoco di intervenire con tempestività, prima che l’incendio aumenti di forza e di capacità distruttiva.

Un grazie enorme a tutti gli operatori coinvolti nelle attività di emergenza. 



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

23 GEN
Una perturbazione aggiungerà l'Italia e farà sentire in suoi effetti, in termini di piogge e nevicate, soprattutto nel fine settimana
21 GEN
L’aria “pulita” in natura non esiste né è mai esistita. La naturale composizione dell’aria
21 GEN
Gran parte del mese di Gennaio sembra scorrer via senza grossi sussulti sul vecchio continente
20 GEN
Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità
22 GEN
La media è quasi di 10°C superiore
22 GEN
Danni pesantissimi a causa delle devastanti mareggiate, tanta neve in montagna
22 GEN
Dopo siccità ed incredibili incendi arrivano forti temporali
22 GEN
Il fumo alla fermata dell’autobus… e le scorregge? tratto da www.aduc.it