In pubblicazione il 9 AGO 2020

Inquinamento da Petrolio. I danni all’ambiente marino

Ogni anno finiscono in mare 4 milioni di ton di petrolio


Fonte Immagine: wikipedia

In particolare la perdita del petrolio dalle petroliere nell'oceano. come quella di cpchio goiorni fa alle Isole Mauritius, ha un impatto grave sulla fauna e flora acquatica.  


Infatti il greggio ha un peso specifico minore dell'acqua, per cui inizialmente forma una pellicola impermeabile all'ossigeno sopra il pelo libero dell'acqua, causando oltre agli evidenti danni per fenomeni fisici e tossici diretti alla macrofauna, un'anaerobiosi che uccide il plancton. La successiva precipitazione sul fondale replica l'effetto sugli organismi che lì vivono. La bonifica dell'ambiente danneggiato richiede mesi o anni.


 

I più gravi incidenti del passato

Non è facile stabilire la quantità di idrocarburi che si perde ogni anno in mare, tuttavia le stime di tali perdite sembra che si aggirino su una media di 4 milioni di tonnellate l'anno per tutto il pianeta e di 600.000 tonnellate per il solo Mediterraneo.

I disastri petroliferi che hanno disperso una maggior volume di greggio sono quello di Lakeview Gusher in California nel 1911, seguito da quello della piattaforma Deepwater Horizon e conseguente perdita del Pozzo Macondo del 2010 (nel Golfo del Messico) e dal disastro della Guerra del Golfo (nel Golfo Persico nel 1991); vi sono poi, sempre per importanza del tonnellaggio di petrolio disperso, quello causato dalla la piattaforma petrolifera Ixtoc 1 (nel Golfo del Messico nel 1979-1980) e il naufragio dell'Amoco Cadiz (in Bretagna) ne1978

 

Effetti sugli animali

Il petrolio penetra nel piumaggio degli uccelli, riducendo la capacità di isolante termico (rendendo gli animali vulnerabili alle escursioni termiche ambientali) e rendendo le piume inadatte al nuoto e al volo, per cui gli uccelli non hanno la possibilità di procacciarsi il cibo e di fuggire dai predatori. L'istinto degli uccelli li porta a pulirsi il piumaggio con l'uso del becco, ma in questa maniera ingeriscono il petrolio, con effetti nocivi per i reni, il fegato e l'apparato digerente; questi ultimi effetti all'organismo, assieme all'incapacità di procurarsi il cibo, portano alla disidratazione e a squilibri nel metabolismo.

Molti uccelli muoiono prima dell'arrivo dei soccorsi umani[3][4].

Allo stesso modo degli uccelli, i mammiferi marini che sono esposti al petrolio presentano sintomi simili a quelli che si hanno



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

5 FEB
Il nocciolo di aria gelida proveniente dalla Russia sta per portare un'acuta fase di freddo, con valori ovunque ben al di sotto delle medie
4 FEB
La prossima settimana avrà caratteristiche invernali e oltre al gelo ci sarà spazio per la neve
4 FEB
Dopo un'iniziale weekend mite, da Lunedì 6 cambia tutto e ritorna l'Inverno vero
3 FEB
Le proiezioni dei modelli indicano dove cadrà la neve e le possibilità che arrivi anche a Milano
31 GEN
Dodici giorni di neve in Emilia Romagna, Romagna sommersa
29 GEN
Spesso poco prima di una scossa si avverte un boato, ecco la spiegazione
27 GEN
Sul tema "Innovazione tecnologica per il Sociale"
14 DIC
Il capoluogo Emiliano è stato il primo del Nord di bassa quota ad imbiancarsi questa stagione!