In pubblicazione il 9 AGO 2019

L'incendio nel Ravennate, nube di fumo verso la Bassa Romagna.

Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.


Fonte Immagine: Vigili del Fuoco.

 

Le ultime notizie da Faenza. 

Le squadre dei vigili del fuoco sono ancora al lavoro per domare il rogo che da questa notte interessa il grande stabilimento della Logistica Lotras, a Faenza, nel Ravennate. In fiamme tonnellate di materiale industriale come olio, plastica e ceramiche. Una alta nube di fumo e cenere sovrata ancora l'abitato di Faenza, dove il sindaco Giovanni Malpezzi, che sta seguendo sul posto le operazioni da ore, ha comunicato ai cittadini di non aprire le finestre e di non fare attività fisica all'aperto. Nel comunicato Comunale di pochi minuti fa, ha fatto sapere che le operazioni di spegnimento del vasto incendio sono ancora lunghe, con un grande lavoro che andrà avanti anche nelle prossime ore, sotto osservazione anche il depuratore delle acque fognarie della città, che sta ricevendo grandi quantità di acque sporche e inquinate che si sono sviluppate per le operazioni di spegnimento dell'incendio.

Ventilazione variabile, dove è diretta la nube di fumo? 


La vasta nube di fumo e ceneri sovrasta ancora il territorio Romagnolo da questa notte, la debole ventilazione in quota favorisce il suo spostamento verso Est - Sud Est, ovvero verso il Forlivese, il Cesenate e il Riminese, coinvolgendo maggiormente le aeree collinari. Nelle prossime ore, è previsto un leggero rinforzo della ventilazione in quota dai quadranti Sud Occidentali, con la possibilità che anche la città di Ravenna, o i comuni adiacenti, possano essere interessati dalla nube di fumo che andrà a dissolversi lentamente nel corso delle prossime ore. 



Fonte Articolo: Mattia Palombo.

ULTIMI ARTICOLI

23 AGO
Inizia una lunga fase temporalesca al Centronord
21 AGO
Allerta arancione della Protezione Civile oggi e domani in Lombardia e allerta gialla su Piemonte, Toscana e Abruzzo
18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
22 AGO
Ma succede ogni anno e sembrerebbe non esserci nessun record
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili