In pubblicazione il 7 GEN 2020

Nebbie e inquinamento alle stelle sul Centro Nord Italia

Situazione destinata a peggiorare


Fonte Immagine: web

L'alta pressione sta diventando la protagonista della scena europea e di conseguenza influenza anche la nostra Penisola. La situazione rimarrà stabile per ancora molti giorni e questo porterà una situazione statica sul Centro Nord Italia, ovvero favorevole a nebbie persistenti e tassi di smog sempre piu' elevati. 

A Torino, la città più inquinata d'Italia, dal 2 gennaio si assiste al blocco dei diesel fino a Euro 4.Oltre ai venti comuni dell'area metropolitana di Torino, la luce "arancione" (livello di inquinamento intermedio, inferiore ai dieci giorni consecutivi di sforamento) si è accesa anche ad Asti, Alessandria, Casale, Tortona, Novi Ligure, Vercelli, Novara e Trecate.A Milano le polveri sottili restano alte in tutta la provincia. 


Fino a metà settimana la situazione rimarrà invariata, quindi favorevole a nebbie anche fitte ed insistenti sulla Pianura Padana e valli del Centro. Solamente a metà giornata potrebbero parzialmente diradarsi per poi ripresentarsi in serata.  La calma anticiclonica ed il mancato ricambio dell'aria contribuiranno all'aumento dello smog per molti altri giorni ancora. 




Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

11 AGO
Le previsioni dettagliate per area geografica per la festa principale dell'estate.
11 AGO
Nella parte centrale della settimana le correnti atlantiche torneranno a infiltrarsi sulle regioni settentrionali, dove aumenterà l'instabilità
9 AGO
Vediamo quali sono le previsioni fino a Domenica prossima
11 AGO
Solo al 10% circa delle città ha raggiunto 35-36 gradi
11 AGO
La pandemia ha causato un importante blocco delle principali attività a livello planetario, con conseguente evidente riduzione delle emissioni di gas serra
massime aklle ore 13.30 (in scuro) i valori oltre 33 gradi)
11 AGO
Dove potranno essere raggiunti i 35 gradi
Le temperature massime previste per martedì 11 agosto
10 AGO
Valori tra 35 e 37 gradi solo nel 15% circa delle città d'Italia