In pubblicazione il 26 DIC 2018

Stromboli: forte attività in corso, segnalate delle eruzioni

Le violente esplosioni potrebbero essere collegate con l'attività dell’Etna. La Protezione Civile è in allerta


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Dopo l’Etna si fa sentire il vulcano Stromboli con diverse eruzioni esplosive e lancio di lapilli. L'attività potrebbe confermare la tesi del collegamento fra i dei due vulcani. Dopo una fase ”tranquilla”, caratterizzata dalla normale attività vulcanica, lo Stromboli ha fatto registrare una serie di forti esplosioni che hanno fatto preoccupare i professionisti del centro di monitoraggio del Dipartimento di Protezione Civile.

Lo stato dell’allerta è stata così innalzata dal livello verde al livello giallo. La fase di ”attenzione” determina un potenziamento del monitoraggio del vulcano e l’attivazione di uno stretto raccordo informativo tra le varie componenti scientifiche e del Servizio Nazionale di Protezione Civile

Caratterizzato da una persistente attività esplosiva, Stromboli è considerato come uno dei vulcani più attivi al mondo. L’attività del vulcano si compone di un’eruzione esplosiva, in media, ogni ora.


Tale attività può essere interrotta da ”esplosioni maggiori” con eventi di forte entità, lancio di materiale vulcanico, anche a centinaia di metri di distanza. Le più potenti eruzioni mai registrate, nel 1919 e nel 1930, furono provocate da infiltrazioni di acqua marina nel condotto vulcanico.

Il contatto con il magma produsse una serie di violentissime esplosioni, con emissioni di vapori e scorie, oltre che di violenti terremoti. 

www.scienzenotizie.it



Fonte Articolo: www.scienzenotizie.it

ULTIMI ARTICOLI

23 AGO
Inizia una lunga fase temporalesca al Centronord
21 AGO
Allerta arancione della Protezione Civile oggi e domani in Lombardia e allerta gialla su Piemonte, Toscana e Abruzzo
18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
22 AGO
Ma succede ogni anno e sembrerebbe non esserci nessun record
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili