In pubblicazione il 17 NOV 2020

3 Novembre 1706, fortissimo sisma sconvolge i borghi della Majella

Gravissimi danni anche a Sulmona


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Il 3 novembre del 1706 un violento sisma sconvolse l'Italia centrale e piu' precisamente l'Abruzzo. Non era certo un periodo tranquillo, tra il 1702 ed il 1706 ci furono moltissimi terremoti distruttivi nell'Italia centrale e questo fu uno dei piu' disastrosi: un terremoto di magnitudo 6.8 Richter colpi' l'area della Majella, imponente massiccio calcareo che si erge a sud del Gran Sasso, nel cuore dell’Appennino abruzzese.


La Valle Peligna ed il versante chietino furono gravemente danneggiati da questo violento sisma. Crolli importanti si ebbero a Lama dei Peligni, Manoppello, Palena, Cansano (rasa al suolo), Prezza, Raiano, Vittorito, Roccacasale, Salle, Tocco da Casauria, Rivisondoli, Roccaraso, Palena (dove morirono in 300 su una popolazione di 450 persone), Lettopalena, Lama dei Peligni, Fara San Martino ma anche a Sulmona dove solo qui morirono circa 1150 persone.
Sulmona, che fino ad allora era nota come la “Siena d’Abruzzo” per il suo patrimonio artistico, perdette i 2/3 degli edifici e buona parte del suo centro storico medievale. Ad aggravare il bilancio di morti e feriti, fu una seconda forte scossa che ebbe luogo la notte del 4 novembre.


Alla fine il conto totale delle vittime del sisma fu di circa 2400. I danni furono gravi anche per altri paesi più lontani, fino al Lazio ed al Molise, dove crollarono antichi edifici, castelli e chiese.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

27 GEN
Si aprirà una fase caratterizzata da umido e mite flusso atlantico, con maltempo diffuso su gran parte del Paese
26 GEN
In Emilia-Romagna si profila una parantesi con clima relativamente asciutto e freddo fino a giovedì, quando le condizioni meteo torneranno nuovamente a cambiare
25 GEN
Vediamo insieme come si presenterà il tempo fino a Domenica prossima inclusa
24 GEN
Discesa fredda, fiocchi fino in pianura
21 GEN
Le temperature medie planetarie continuano a salire e anche il 2020 ha stabilito numerosi record in diverse regioni del Mondo, compresa l'Europa
20 GEN
Una disciplina particolare, che tenta di ricostruire il passaggio di violente tempeste formatesi in tempi lontani