In pubblicazione il 1 LUG 2019

Abbronzatura anche vestiti, Vero o falso?

UPF, l'etichetta sui vestiti anti ultravioletti. I tessuti più protettivi


Fonte Immagine: pinterest.com

 

Estate, la stagione del sole, delle vacanze, della tintarella, ma anche degli eritemi, delle scottature, dell’invecchiamento della pelle e del rischio di melanomi.

 

La capacità di penetrazione nella pelle dei raggi ultravioletti (UV)

 Infatti, se da una parteil sole aiuta a sintetizzare la vitamina D, combatte il rachitismo e la depressione, fa bene a livello psicologico e stimola la produzione di endorfine, dall’altra l’abbronzatura non è altro che un’autodifesa della pelle per proteggersi dai raggi solari e in particolare dai raggi ultravioletti (UV-A, UV-B, UV-C) che non scaldano, ma sono quelli che producono maggiori danni alla pelle. Ad esempio, gli UV-A entrano in profondità, distruggono il collagene, l’elastina e i piccoli vasi e invecchiano la pelle; gli UV-B penetrano nel nucleo delle cellule dell’epidermide mutando il DNA e inducendo a tumori cutanei. La necessità, quindi, di proteggersi dal sole è fondamentale. 

 

Basta mettersi sotto l’ombrellone o indossare una maglietta per proteggersi dagli UV?

La risposta è: assolutamente no perché i raggi solari attraversano anche i tessuti. Indossare una maglietta di cotoneè come spalmarsi una crema di fattore 5 e più la trama dei tessuti è larga più il “fattore di protezione” diminuisce. Tanto più il tessuto è chiaro, meno ha la capacità di trattenere la radiazione. Così come stare sotto l’ombrellonenon significa proteggersi perché la radiazione solare è riflessa dalla sabbia.

 E che dire dei costumi in nylon?Se bagnati, sono completamente “trasparenti” alla radiazione. 


 

Tessuti anti UV e l’etichetta UPF

Da qualche anno si stanno mettendo a punto dei nuovi tessuti che riescono ad assorbire i raggi solari. Ad esempio, nella viscosa sono stati inclusi dei bloccanti UV e delle molecole di ceramica a tal punto che il suo “fattore di protezione” è di 60. 

Da cchio all’etichetta sui vestiti! Infatti, è stato creato uno standard internazionale di misura (UV Standard 801) che garantisce una protezione quasi totale dei raggi nocivi. La portezione  è misurabile  misurabile secondo il parametro UPF (Ultraviolet Protection Factor, fattore solare di protezione UV) che deve essere riportato  sull’etichetta. Tale fattore è una stima della capacità di schermo del tessuto. Per esempio, per un tessuto classificato come UPF 30, si stima che su 30 unità di UV irraggiate soltanto una riesca a passare, e 29 siano schermate; l'efficacia sarebbe pertanto del 96.7%.

 

     



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Aria frizzante sull'Europa centro orientale: l'eredità della colata fredda
20 SET
Peggioramento in anticipo rispetto alle attese: forti temporali in arrivo su Liguria e Toscana
19 SET
Per l'arrivo del vero autunno dobbiamo ancora attendere, qualche novità per fine mese
19 SET
Mareggiate lungo le coste esposte. Allerta gialla della Protezione Civile al Sud
19 SET
L'alta pressione e le correnti atlantiche si susseguiranno per il breve e medio termine
15 SET
Coinvolti nella stessa letale sorte i paesi aggressori e aggrediti
11 SET
Gondwana, l'attuale Sud America, si staccò da Pangea 165 milioni di anni scatenando una eruzione vulcanica apocalittica
10 SET
400 mila persone evacuate, onde alte 11 metri!