In pubblicazione il 25 APR 2019

Anche i generali dichiarano guerra al cambiamento climatico

Eventi meteo-climatici estremi pongono nuove importanti sfide anche alle forze armate più agguerrite e organizzate del Pianeta


Fonte Immagine: Pixabay

 

Dopo gli scienziati, la stampa e l’opinione pubblica, anche i vertici del più potente esercito del Pianeta hanno preso coscienza del fatto che il cambiamento climatico rappresenta una grave minaccia.

Nel corso del mese di aprile, in una serie di audizioni al Congresso, i comandanti della Marina Militare e dell’Aeronautica Militare degli USA hanno infatti affermato la necessità di adeguare le strutture belliche per renderle resistenti agli eventi meteorologici estremi, che sempre più spesso stanno creando loro notevoli difficoltà.

draining-floodwater%20US%20AIRFORCE%20JT%20Armstrong.jpg

(Immagine: US AIRFORCE/J.T. Armstrong)


 

Inoltre, i comandanti in capo della US Navy  e della US Air Force hanno ribadito come sia oramai indispensabile preparare il personale militare ad affrontare emergenze umanitarie e l’improvvisa esplosione di conflitti armati legati ad eventi meteo-climatici estremi.

In particolare il Segretario della Marina, Richard Spencer, ha pubblicamente affermato che “l’innalzamento del livello dei mari rappresenta una minaccia reale e costante” per le operazioni condotte in mare, mentre il Generale David Goldfein, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, ha sottolineato quanto sia indispensabile rendere le basi le basi dell’aviazione resilienti (resistenti) ai nuovi pericoli causati dal cambiamento climatico e come sia essenziale prepararsi ad affrontare scenari di guerra causati proprio da catastrofi di natura meteorologica.                 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 MAG
Insiste un po' di instabilità che nelle prossime ore favorirà ancora la formazione di improvvisi temporali in alcune zone d'Italia
21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni
22 MAG
In alcuni punti la neve supera i 10 metri!