In pubblicazione il 24 MAR 2020

Bufale meteorologiche

Dal mondo antilco ad oggi


Fonte Immagine: pinterest.com

 

Nell’antichità

  • L’opera Meteorologica di Aristotele

Ricca di intuizioni  ma anche di bufale rifilate ai posteri alcune delle quali hanno resistito fino al 1700;

  • La traversata del mar Rosso da parte di Mosè

La spiegazione del miracolo oggi ha una spiegazione più semplice ed umana:  le grandi piogge avevano fatto uscire  i fiumi dal loro alveo cosicché risultò più facile vincere la furia delle acque

  • Profezie circa la fine del mondo

La prima di tale profezia fu formulata nel 992, l’ultima nel 1999 e in tutto sono una cinquantina. La maggiora parte di esse viene motivata o con sfavorevoli congiunzioni astrali ( come la “lettera di Toledo” del 1185) e per cause meteorologiche (un specie di nuovo diluvio universale)

  • Vendita dei venti

Nel medio Evo i maghi e gli astrologi vendevano i venti ai marinai in partenza sotto forma di nodi fatti su una fune. In caso di bonaccia il marinaio avrebbe dovuto sciogliere il primo nodo per avere un vento leggero, dune nodi per vare un vento più fresco e così via;

  • Nel  Rinascimento

Almanacchi di previsioni del tempo per tutto l’anno

Dopo l’invenzione della stampa vi un proliferare di tali almanacchi nei quali la previsione veniva formulata, giorno per giorno, sulla base della posizione degli astri. Anche Beniamino Franklin fece il suo almanacco. Gli almanacchi odierni ricalcano alla lettera lo stesso copione.

 

Qualche bizzarra interpretazione del tempo

Nel 1600 l’astronomo Borrelli formulò una fantasiosa teoria per spiegare perché quando piove la pressione atmosferica cala anziché salire come  sarebbe stato apparentemente ovvio  visto che al peso dell’aria si sommava quello della pioggia.

 

Bufale nell’epoca moderna

  • modificazioni artificiali del tempo o del clima
  • cannoni antigrandine

Ancor oggi su molte regioni del Nord Italia gli agricoltori usano sparare con un cannone  nelle nubi temporalesche nella convinzione che il “botto” impedisca alla grandine di formarsi

  •  Il progetto USA STORMFURY  negli anni ‘70

L’obbiettivo era quello di attenuare l’intensità degli uragani attraverso l’inseminazioni di particolare sostanze. Provocò anche un incidente diplomatico con l’Honduras, paese che nel 1974 accusò gli USA di abver deviato verso di loro la furia dell’uragano Betsy

  • tentativi di dissipazione della nebbia sugli aeroporti negli anni 60-70

Tutti miseramente falliti

  • La Diga di Assuan  modifica il clima del Mediterraneo

Si può dimostrare che tale asserzione è una bufala: la diga è estesa circa 5800m km quadrati ma il Mediterraneo è qualche milione di km quadrati

  • Proposta di abbattere il Colle del Turchino per dissipare la nebbia in Valpadana

La proposta formulata da un tizio di Milano in una delle puntate della trasmissione TV “Portobello” condotta da Enzo Tortora, nel 1978, fece molto parlare di sé e anche tra gli addetti ai lavori ( I meteorologi dell’epoca)   vi furono molti a dar credito all’idea. Ma è facile dimostrare che fosse una bufala

  • Esperimenti russi per deviare le nuvole dall’Africa verso la Russia

Negli anni 70-80 molti accusavano l’URRS di bombardare in continuazione, grazie alle capsule spaziali, le nuvole  della fascia tropicale africana per deviare le correnti umide verso il territorio sovietico, onde mettere fine alla endemica carenza di generi alimentari. La riprova di tutto ciò sarebbe la grave siccità che negli anni 70-80 ha afflitto il Sahel africano.

  • Le radiazioni delle esplosioni nucleari cambierebbero il clima

Era questa un’opinione molto diffusa negli anni 50-60, ma in realtà non vi è alcun legame di causa-effetto ( da non confondere con il fatto che una guerra nucleare può determinare “un inverno nucleare”)

  • Tropicalizzazione del clima italiano

Un’altra favola: si confonde la tropicalizzazione con l’estremizzazione in atto nel clima nostro e di tutto il mondo.

  • alcune  previsioni inerenti il  clima
  • previsioni stagionali basate sul comportamento degli animali

Gli inverni del  1974 e del 1988  secondo alcuni scienziati sarebbe dovuti essere molto rigidi perché alcuni animali( lumache e martore) in autunno si erano rintanate  a grande profondità. I due inverni, ronia della sorte furono molto caldi. Nel 2002 uno scienziato del CNR aveva previsto un trimestre gennaio-febbraio-marzo molto cadlo perché i merli si era messi a fischiare il loro canto di amore già ai primi di gennaio, anziché alla fine di gennaio. Anche in questo caso le cose andarono diversamente.

  •   Previsione dell’imminente arrivo di una nuova glaciazione

La versione presentata nel film the day after è molto fantasiosa. La corrente del Golfo per bloccarsi ha bisogno di decenni o di secoli e non può incepparsi in 1-2 settimane.


  • Previsione di ritorno dei ghiacci per un’anomalia atlantica

Negli anni 60 una larga pozza di acqua meno salata che ha vagato per un decennio sull’Oceano nord Atlantico indusse alcuni scienziati a ritenere che fosse imminente l’inizio di una nuova glaciazione.

 

Eventi meteo apparentemente inspiegabili

La bufala delle palle di ghiaccio nel gennaio  2000 in Spagna e Italia

Il fenomeno partito per caso per cause meteorologiche ( nubi grandinigene, formazione di ghiaccio sugli aerei) è proseguito, anzi si è accentuato,   con condizioni di sereno. Si può dimostrare che sono intervenuti i soliti burloni

  

Credenze popolari

I giorni della Merla

I vuoti d’aria

“non ci sono più le mezze stagioni”

gli astri influenzano il clima

metodi superstiziosi  per difendersi dai fulmini

 

Detti popolari

Per l’Immacolata (8 dic) la neve è già quagliata

A San Nicola ( 6 dic ) la neve vola

Sereno a Capodanno, sereno per tutto l’anno

Natale al sole, Pasqua al Tizzone

Per candelora (2 feb) dall’inverno semo fora

Se piove il Venerdì santo, piove per maggio tutto quanto

Etc, etc…….

            



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

4 APR
A cura del Dott. Alfio Giuffrida, Fisico nonché Meteorologo e scrittore
2 APR
Il mese di aprile potrebbe ancora mostrare qualche segnale di incertezza
2 APR
Si volterà pagina già dal weekend, quando le temperature riprenderanno a salire sensibilmente
3 APR
Migliaia e migliaia di vittime nel nostro continente, con Italia e Spagna a pagare il conto tragicamente più elevato; possibile legame con le condizioni climatiche
3 APR
I dati mostrano un leggero miglioramento della situazione, con la curva dei contagi che, soprattutto al Nord, comincia a rallentare
31 MAR
La grande metropoli americana è oramai al collasso e in aiuto giunge anche la nave ospedale della Marina Militare Americana