In pubblicazione il 13 NOV 2020

COVID: è tra i giovani il 50% dei contagi osservati tra ottobre e novembre

Secondo l’analisi e il monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità


Fonte Immagine: ILFattoalimentare

Ogni giorno e a più riprese i mass media non si stancano dal mettere in guardia (giustamente) gli anziani onde escano meno possibile di casa per evitare contatti  (ormai) molto probabili  con portatori asintomatici (il 95% dei  positivi giornalieri al tampone)  in questa seconda ondata del virus. Ma nella foga di fare raccomandazioni giornaliere agli anziani - cosa del resto giustificata - non si sono preoccupati di indicare quanto sia diffuso il virus tra  “i giovani”.


II 50% dei contagi tra i GIOVANI


Ebbene a sorpresa  si è scoperto che tra settembre e ottobre durante questa seconda ondata la percentuale maggiore di contagiati si annida  tra le persone  con età compresa tra 19 e 50 anni. Lo testimonia una  fonte inoppugnabile - l’ISS (Istituto Superiore di Sanità) - la cui analisi pubblicata i 7 novembre u.s. mostra, nel “grafico a  torta” sotto  allegato, il numero % contagiati, suddiviso per età, nel periodo 19 ottobre-1 novembre.

Invece nella prima ondata tra ma febbraio e aprile la % maggiore di contagiati era tra  over 60.

Schermata%202020-11-13%20alle%2013_49_51.jpg

 

Perché adesso i giovani si contagiano più degli anziani

I messaggi di cautela rivolti  quotidianamente dai mass media agli Italiani  quasi sempre con esplicito riferimento agli anziani, certo i più vulnerabili. Gli anziani, memori di quanto successo alla loro classe di età in primavera,  sono ora  molto accorti ed evitano al massimo i contatti esterni. I giovani invece sono invece più esposti soprattutto sull’ambiente di lavoro ma anche per incontri con i partner o cene serali più o meno clandestine, che non sempre si fermano a… tarallucci e vino.

Una minaccia non solo  la loro  salute m anche e soprattutto per i famigliari più anziani con i quali sono e saranno a contatto



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

28 NOV
Le campagne di crowdfunding possono dare un grosso aiuto a tutte quelle realtà che operano in ambito scientifico ed editoriale
27 NOV
L’Osservatorio Geofisico del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” - Unimore, riceve dall’Organizzazione Mondiale della Meteorologia il prestigioso “Centennial Observing Stations”
27 NOV
Accumuli addirittura oltre 20 cm?  Forse, però ancora….a occhio alle illusioni
27 NOV
Dopo mesi e mesi di anomalie calde, si intravede un'enorme massa d'aria fredda e nevosa che coinvolgerà il continente.
28 NOV
E' l'Ogliastra la zona piu' colpita, allerta rossa
26 NOV
La storia dell’umanità è costellata di progredite e potenti civiltà dissolte per clima avverso