In pubblicazione il 27 DIC 2018

Ecosistema dell'Antartide a rischio a causa di un...moscerino!

Questi moscerini si sono moltiplicati ed adattati


Fonte Immagine: web

 

C'è preoccupazione tra gli scienziati in Antartide per un "animale" che potrebbe mettere a rischio il delicato ecosistema presente nei ghiacci: si tratta di un moscerino! L'Eretmoptera murphyi è un moscerino che non vola ed è stato introdotto nel Paese negli anni '60 dopo un esperimento sulle piante e dall'isola della Georgia del Sud è approdato all'isola di Signy Island, a meno di 600 km dalla più vicina costa dell'Antartide.


Questa specie aliena si è moltiplicata fino a raggiungere una biomassa (il peso totale degli esemplari di una specie) da due a cinque volte superiore quella di tutti gli artropodi dei luoghi che colonizza. Un gruppo di scienziati dell'Università di Birmingham e della British Antarctic Survey ha studiato le capacità di adattamento della bestiola alle rigide condizioni polari e concluso che la sua presenza sull'isola minaccia di incrinarne gli equilibri ecosistemici.Questo moscerino è un decompositore, si nutre della materia organica presente nel suolo. La sua attività rilascia grandi volumi di nutrienti nel terreno, con livelli di azoto 3-4 volte più alti nelle aree colonizzate rispetto a quelle che non ha ancora raggiunto e questo porta a maggiori quantità di terreno smosso e banchi di muschio più sottili.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola