In pubblicazione il 28 GIU 2019

Fototipi e abbronzatura

Consigli pratici per abbronzarsi senza ustionarsi


Fonte Immagine: Wikipedia

 

Anche la pelle è diversa da persona a persona. Gli effetti dell'esposizione al Sole (e gli eventuali danni) variano a seconda del tipo di epidermide.

I fototipi

Per a seconda della risposta della nostra pelle ai raggi ultravioletti UVA e UVB si possono distinguere 5 fototipi:

Fototipo 1: coloro che  hanno questo tipo di pelle (in genere riconoscibili da occhi azzurri e pelle molto chiara e/o lentigginosa) debbono rinunciare all'abbronzatura perché non solo non prendono un minimo di tintarella ma rischiano di ustionarsi anche con piccole dosi giornaliere di raggi UV;

Fototipo 2: pelle chiara, capelli biondi. Si abbronzano poco e rischiano facili scottature; 

Fototipo 3: Capelli scuri, pelle meno chiara si scottano un po', ma si abbronzano. 


Fototipo 4: pelle scura, tipica dei paesi mediterranei. Si abbronzano senza troppi.roblemi. Rare le scottature. 

Fototipo 5 e 6: africani e asiatici della fascia tropicale:. pelle scura, quasi nera. Non si abbronzano perché in pratica già lo sono e non si scottano mai. 

Evitando di parlare (e usare) di creme abbronzanti (che provocano una produzione artificiale di melanina) e di discutibili lampade rispetto alle quali non entro nel merito, cosa fare dunque per abbronzarsi senza rischi e in modo naturale?

I consigli per abbronzarsi senza ustionarsi

I consigli, validi tanto più si ha a che fare con pelle chiara, sono in fondo quelli di sempre e che conoscono un po' tutti, ma che per pigrizia o superficialità, si trascurano:

  • Evitare di esporsi nelle ore più calde (tra le 11,30 e le 16,00), anche se abbiamo raggiunto già una discreta abbronzatura, e affrontare il sole gradualmente, 5-10 minuti in più ogni giorno.
  • Scegliere prodotti solari con protezione adatta al nostro fototipo, spalmarsi il prodotto mezz’ora prima di esporsi, rinnovando spesso l’applicazione (d’obbligo dopo un bagno o una sudata).
  • Fare uso dei filtri solari anche se il cielo è coperto o siamo al fresco sotto l’ombrellone: gli UV attraversano comunque anche le stoffe e quelli riflessi dalla sabbia sono comunque pericolosi. 
  • Proteggere con fattori elevati le zone sporgenti e quelle che durante l’anno non vedono mai il sole (seni, glutei, ventre) e dopo l’esposizione reidratare sempre la pelle con un buon doposole.
  • Coprire sempre il capo con un cappello, difendere i capelli con prodotti appositi e gli occhi con buoni occhiali da sole.
  • Non fidarsi mai (e soprattutto non improvvisare col fai-da-te) di strani impacchi e misture che dovrebbero assicurare un’abbronzatura strepitosa!
  • Se si stanno assumendo farmaci, come antibiotici, antistaminici, antinfiammatori, pillola anticoncezionale ecc., sentire prima il parere del medico; evitare inoltre profumi e cosmetici prima di mettersi al sole.
  • Non sottovalutare le esposizioni di breve durata (ad esempio durante un fine settimana in montagna) o il sole di inizio estate: anche se solo per due giorni, esporsi al sole presenta gli stessi “pericoli” di una vacanza più prolungata, in aggiunta al fatto che nel nostro emisfero a fine giugno le radiazioni sono più intense.
  • Iniziare a preparare la pelle circa un mese prima della vacanza, con un ciclo di pillole a base di composti antiossidanti, a base di betacarotene, vitamine 


Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 GEN
Una perturbazione aggiungerà l'Italia e farà sentire in suoi effetti, in termini di piogge e nevicate, soprattutto nel fine settimana
21 GEN
L’aria “pulita” in natura non esiste né è mai esistita. La naturale composizione dell’aria
21 GEN
Gran parte del mese di Gennaio sembra scorrer via senza grossi sussulti sul vecchio continente
20 GEN
Secondo la statistica climatica l'evento ha discrete probabilità
22 GEN
La media è quasi di 10°C superiore
22 GEN
Danni pesantissimi a causa delle devastanti mareggiate, tanta neve in montagna
22 GEN
Dopo siccità ed incredibili incendi arrivano forti temporali
22 GEN
Il fumo alla fermata dell’autobus… e le scorregge? tratto da www.aduc.it