In pubblicazione il 10 GEN 2020

Freddo, nemico della salute della nostra pelle

Come difenrderla


Fonte Immagine: pinterest

 


La pelle si sacrifica a favore degli organi vitali

Nelle giornate invernali molto fredde il nostro organismo deve proteggere soprattutto i centri vitali del nostro corpo (cervello, cuore, polmoni). quindi fa affluire meno sangue alle parti meno” nobili” e in particolare alla pelle, la quale pertanto riceve  meno ossigeno e meno nutrimento.

 

I danni provocati dal freddo

Ecco perché in questi casi  nella nostra cute si riduce la produzione di sebo e di sostanze idratanti e rallenta il ricambio delle cellule.

Insomma il nostro guscio più esterno diventa estremamente vulnerabile fino a mostrare secchezza, screpolature, arrossamenti  e inestetiche couperose al volto.

 


I Consigli della medicina

Impiegare una dieta ad hoc, in particolare vitamina A (verdure gialle, rosse o arancioni), vittima E (frutta secca ed olio di oliva), acidi grassi omega 3 ( aringa, sgombro, salmone). Tutte queste sostanze aiutano infatti la pelle a mantenersi fresca ed elastica;

Aumentare inoltre il sottile strato di grasso, naturale protezione della pelle, attraverso  l’impiego nell’alimentazione di oli vegetali leggeri;

Far uso di preparati a base di acido ialuronico che ha la proprietà di impedire l’evaporazione dell’acqua dalla nostra cute;

La couperose può essere invece eliminata in maniera indolore attraverso un particolare apparecchio a radiofrequenza  in grado di far coagulare i capillari che hanno dato luogo ad un travaso locale di sangue;

Infine  usare fondotinta a base di pigmenti naturali e di filtri protettivi Ultravioletti, perché isolano la pelle dall’ambiente esterno, evitando che si disidrati.

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

4 APR
A cura del Dott. Alfio Giuffrida, Fisico nonché Meteorologo e scrittore
2 APR
Il mese di aprile potrebbe ancora mostrare qualche segnale di incertezza
2 APR
Si volterà pagina già dal weekend, quando le temperature riprenderanno a salire sensibilmente
3 APR
Migliaia e migliaia di vittime nel nostro continente, con Italia e Spagna a pagare il conto tragicamente più elevato; possibile legame con le condizioni climatiche
3 APR
I dati mostrano un leggero miglioramento della situazione, con la curva dei contagi che, soprattutto al Nord, comincia a rallentare
31 MAR
La grande metropoli americana è oramai al collasso e in aiuto giunge anche la nave ospedale della Marina Militare Americana