In pubblicazione il 25 FEB 2019

Freddo: nemico della salute della nostra pelle 

Come difenrderla


Fonte Immagine: pinterest.com

 

La pelle si sacrifica a favore degli organi vitali

Nelle giornate invernali molto fredde il nostro organismo deve proteggere soprattutto i centri vitali del nostro corpo (cervello, cuore, polmoni). quindi fa affluire meno sangue alle parti meno” nobili” e in particolare alla pelle, la quale pertanto riceve  meno ossigeno e meno nutrimento.

I danni provocati dal freddo

Ecco perché in questi casi nella nostra cute si riduce la produzione di sebo e di sostanze idratanti e rallenta il ricambio delle cellule. 

Insomma il nostro guscio più esterno diventa estremamente vulnerabile fino a mostrare secchezza, screpolature, arrossamenti  e inestetiche couperose al volto. 

 Consigli 


Impiegare una dieta ad hoc, in particolare vitamina A (verdure gialle, rosse o arancioni), vittima E (frutta secca ed olio di oliva), acidi grassi omega 3 ( aringa, sgombro, salmone). Tutte queste sostanze aiutano infatti la pelle a mantenersi fresca ed elastica; 

Aumentare inoltre il sottile strato di grasso, naturale protezione della pelle, attraverso  l’impiego nell’alimentazione di oli vegetali leggeri; 

Far uso di preparati a base di acido ialuronico che ha la proprietà di impedire l’evaporazione dell’acqua dalla nostra cute; 

La couperose può essere invece eliminata in maniera indolore attraverso un particolare apparecchio a radiofrequenza  in grado di far coagulare i capillari che hanno dato luogo ad un travaso locale di sangue; 

Infine  usare fondotinta a base di pigmenti naturali e di filtri protettivi Ultravioletti, perché isolano la pelle dall’ambiente esterno, evitando che si disidrati.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
19 MAG
Fenomeni più probabili al Centro Nord, qualche spazio sereno in più al Sud
Lingua di aria calda alla quota di 1500me di origine Nord africana il 29 maggio
19 MAG
Possibile un recupero termico entro la fine del mese con 2 incursioni dell’Africano?
21 MAG
Epicentro vicino a Barletta, magnitudo 3.9
20 MAG
20 e 29 Maggio, due forti scosse di terremoto mettono in ginocchio l'Emilia Romagna
18 MAG
Piogge su gran parte del Centronord
17 MAG
12°C a Catania e 60 mm di pioggia