In pubblicazione il 12 GEN 2019

Freddo: quanti guai, compresi gli incidenti stradali

Quando è nostro nemico


Fonte Immagine: Filckr.com

 

Il freddo invernale è la sicura causa dei frequenti malanni o disturbi alle vie respiratorie. 


Ma gli inconvenienti del freddo sono ben più numerosi. 

  • Sono in molti infatti ad accusare recidive di Herpes alla bocca e agli occhi.
  •  In altri invece, che soffrono di carente circolazione sanguigna periferica, il freddo fa diventare solide le proteine del sangue con conseguente comparsa di vescicole pruriginose e macchioline rossastre puntiformi, specie nelle gambe
  • In condizioni estreme, specie se soffiano anche venti gelidi, alcuni possono andare incontro a una paralisi del nervo facciale
  •  E aumentano anche gli incidenti stradali perché il freddo provoca una restrizione dei vasi sanguigni e quindi una minore irrorazione del cervello, con conseguente riduzione della capacità di concentrazione e osservazione. 
  • Ma la restrizione dei vasi sanguigni provoca anche un aumento della pressione arteriosa e quindi un aumento di episodi di ictus cerebrale negli ipertesi
  •  E infine il freddo invernale è un nemico anche dei malati di diabete mellito, una patologia caratterizzata  dall’incapacità del pancreas di produrre sufficienti quantità di insulina. Nella letteratura medica viene infatti documentato che l’insorgenza o l’aggravamento della malattia è più frequente nei mesi freddi. Sembra infatti che la quantità di luce solare possa influenzare innanzitutto gli effetti dell’insulina sull’organismo, specie nei soggetti maschi di età compresa tra 5 e 15 anni circa. 


Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

15 FEB
Alta pressione protagonista, aria molto mite sulle Alpi
14 FEB
L’evoluzione in quattro distinte fasi fino al 23 febbraio. Periodo poco dinamico
12 FEB
L’alta pressione guadagna ulteriore spazio sul Mediterraneo
15 FEB
Tendenza meteo fino metà mese, tra poco online
12 FEB
Danni pesantissimi nel Nord del Paese
12 FEB
Mareggiate lungo le coste esposte. Una nuova perturbazione proveniente dall’Europa nord-orientale, giungerà nella giornata di domani