In pubblicazione il 29 GEN 2019

Hai Freddo? Bevi il caffè ma non il grappino

Le sostanza naturali che fanno sentire più o meno freddo


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Mezza Italia infreddolita a più riprese in queste settimane per l’arrivo in rapida sequenza di nuclei di aria artica. 

Ebbene anche in inverno le variazioni della temperatura nell'arco di pochi giorni mettono a dura prova il nostro sistema di termoregolazione tanto che la maggior parte delle meteoropatie invernali sono dovute ad una esagerata risposta dell’organismo a siffatti sbalzi termici. 

Ma per fortuna anche alcune sostanze hanno la capacità di influenzare le reazione e la capacità di risposta del nostro sistema di termoregolazione. 

Ad esempio, la caffeina fa restringere i vasi sanguigni e fa salire la pressione, due reazioni molto utili per controbilanciare gli effetti del freddo. 


La nicotina invece riduce la circolazione  nelle gambe  e nelle braccia e quindi esalta la sensazione di freddo in tali arti. 

L’alcool, come  a marijuana e le anfetamine, fa dilatare i vasi superficiali dell’epidermide, con conseguente più rapida dispersione del calore corporeo, una reazione indesiderata, ovviamente, quando fa freddo. E’ pertanto  errato il luogo comune secondo il quale i rigori del freddo si possano contrastare con un bicchiere di... buona grappa! 

Ed anche i tranquillanti aiutano a resistere meglio contro il freddo perché bloccano il meccanismo della sudorazione, riducendo in tal modo la possibilità che la pelle si raffreddi per  evaporazione del sudore stesso.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

25 APR
Allerta gialla della Protezione Civile in sei regioni. Nuova perturbazione in arrivo
24 APR
Italia divisa in due con perturbazioni atlantiche al Nord e anticiclone e temperature oltre la media al Sud
24 APR
Aria piu' fresca, ecco dove il calo piu' marcato
26 APR
Puglia, Calabria e Sicilia le regioni piu' calde
26 APR
Qualche giorno dopo i venti spirarono proprio verso l'Italia...
25 APR
Il ciclone tropicale Kenneth si è rapidamente intensificato ad un equivalente uragano di Categoria 4
24 APR
Camminavano a bordo fiume e si sono perse le loro tracce