In pubblicazione il 23 MAR 2019

L’instabilità della primavera non fa bene alla psiche

I bruschi cambiamenti del tempo mal sopportati dal nostro organismo


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Il passaggio dal clima invernale a quello primaverile non avviene quasi mai in maniera graduale quanto, piuttosto, attraverso bruschi strappi da un giorno all’altro o, addirittura, nell’ambito della medesima giornata, e scanditi da cambiamenti repentini soprattutto nella temperatura e nella pressione dell’aria. 

E’ naturale aspettarsi che l’organismo, nell’affannosa rincorsa per adattarsi e inseguire i ritmi molto veloci di mutamento di umore del tempo, venga sottoposto ad un forte stress psicofisico. 

Gli effetti del brusco calo termico atteso per la prossima settimana

Ad esempio, di fronte a 6-7 giorni consecutivi, caldi e assolati, il fisico viene invitato ad adeguare le proprie attività metaboliche come se dovesse affrontare l’imminente arrivo dell’estate. Ma se poi interviene un improvviso, seppure temporaneo, ritorno a condizioni quasi invernali –  un evento abbastanza frequente in questa stagione, come quello previsto per martedì 26  – il nostro equilibrio psicofisico viene messo a dura prova. 

Infatti, così come le piante, ingannate dalle miti temperature, avevano iniziato a schiudere le loro gemme, anche il nostro organismo, avendo “fiutato” – ahimè, erroneamente -  l’arrivo della primavera, aveva messo in moto  una serie di processi per produrre la qualità e quantità di ormoni necessari per risvegliare i sensi e per dare una sferzata di energia a tutte le principali funzioni vitali. 


Confuse le ghiandole che dovrebbero decidere se prepararsi alla primavera o all’inverno

Ma il brusco balzo all’indietro della colonnina di mercurio viene interpretato come un segnale di verso opposto tanto che viene impartito al sistema che regola la produzione ormonale l’ordine di invertire bruscamente rotta.  Come dire: “Attento, ti sei sbagliato, sei ancora in inverno, stai calmo! ”.  

E’ facile immaginare lo scompiglio e la confusione che in questi casi regnano nelle ghiandole che dovrebbero decidere se prepararsi alla primavera o all’inverno. 

Ed ecco allora tutta una serie di piccoli disturbi psichici come nervosismo, insonnia e depressione fino a sconfinare, talvolta, in malesseri psicosomatici come ulcere gastriche, gastriti duodenali e “mal di pancia” (coliti spastiche o colon irritabile).



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

26 GIU
No, secondo Noi, e Vi spieghiamo il perché...
26 GIU
Temperature in calo tra venerdì ed il weekend, ecco dove.
26 GIU
Temperature eccezionali anche in Italia, in particolare sulla Val Padana occidentale
26 GIU
Temperature eccezionalmente alte per il mese, sarà una delle ondate di caldo più intense mai osservate a giugno