In pubblicazione il 25 MAR 2021

La sindrome da ora legale. I consigli per attenuare gli effetti

E' un piccolo jet-lag ma con effetti poco graditi sui meteosensibili


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Torna l'ora legale

Nel prossimo fine settimana , precisamente nella notte tra sabato 27 e domenica 28, tornerà l’ora legale al posto dell’ora solare e pertanto dovremo spostare le lancette del nostro orologio avanti di un’ora (vedi articolo ad hoc pubblicato domenica 19).


Lo spostamento in avanti delle lancette dell'orologio  di appena un'ora  sembrerebbe un fatto ininfluente eppure per molti occorre qualche giorno per ritrovare il giusto equilibrio psico-fisico


Infatti se ci vuole appena un attimo per sistemare l’ora del nostro orologio al polso, in realtà all’organismo serve invece qualche giorno  per “riprogrammare” tutte “le sveglie”: l’ora dei pasti, quella del sonno, quella della resa fisica e intellettuale. E’ normale quindi che i ritmi del sonno, dell’appetito e delle capacità psicofisiche vengano temporaneamente sconvolti.

I possibili fastidi psicofisici

Nella maggior parte delle persone i fastidi sono di breve durata e di lieve entità mentre altre, come gli ansiosi e i depressi, fanno più fatica a sincronizzare il proprio orologio interno.

I guai iniziano già al mattino con una certa difficoltà a buttarsi giù dal letto, una sensazione continua di stanchezza per tutto il giorno, difficoltà di concentrazione e anche mal di testa. Insomma una serie di malesseri scatenati tutti dal fatto che si è costretti a svegliarsi un’ora prima, mentre l’organismo avverte che avrebbe ancora bisogno di riposare.

Chi è abituato ad andare al bagno ad orari precisi, può accusare anche qualche irregolarità intestinale e, se si mangia sempre alla solita ora, può capitare di aver poco appetito, perché non è scattato ancora il segnale di fame, e di far fatica a digerire. Per lo stesso motivo può restare difficile il prendere sonno perché anche se la sveglia dice che è ora di dormire, corpo e mente in realtà sono ancora ben svegli.

Sono soprattutto i «gufi» (i tiratardi") e le «allodole» (i mattinieri) a soffrire il cambio dell’ora: va in tilt il loro equilibrio sonno-veglia. Per cui, anche cambiamenti minimi dei ritmi quotidiani possono causare stress e generare stanchezza, sonnolenza diurna, emicrania, perdita dell’appetito, riduzione dell’attenzione e alterazione dell’umore.

I consigli della Medicina

Non andare a letto un’ora prima. 

Cura la luce d’ambiente, evitando fonti luminose blu-verde, danno al cervello l’imput di non dormire.

Non sottovalutare l’impatto di perdere o guadagnare un’ora. 

Presta attenzione alla guida. 

Aiutati con la melatonina. 

Non eliminare il caffè.

Non abusare con Smartphone, tablet e PC, che avnno spenti un po' prima di andare a dormire 

Fai attività sportiva.

Fai un massaggio ai piedi. 

Non anticipare la colazione.

Anticipare di 15 minuti al giorno per i 4 giorni prima dell’arrivo dell’ora legale la tua routine (sveglia, pasti, allenamento) 

Non cambiare i piani. Mantenere le tue abitudini lo abbiamo già detto è fondamentale.

Evita di fare la pennichella e tieni sotto controllo l’uso dello zucchero. 

Non sminuire l’impatto che il cambio dell’ora può avere sulla salute.

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

19 GIU
Ondata di caldo anomala per anche per fine giugno: tutti i dettagli
18 GIU
Sabato la giornata piu' bella, piu' nubi domenica
18 GIU
Caldo intenso e alta umidità: ma è ancora la bella stagione??
17 GIU
Sopra 29 gradi solo 30 località su 130
1 GIU
Auto trascinate via dalla furia dell'acqua, danni pesanti
25 MAG
Tante vittime e molti bambini dispersi per l'eruzione del vulcano Nyiragongo