In pubblicazione il 14 GIU 2022

Le Previsioni del tempo nel passato

Dai Greci all’Era preindustriale


Fonte Immagine: Meteogiuliacci

Non vi è dubbio che oggigiorno la Meteorologia, considerata finalmente a pieno titolo come Scienza e non più alla stessa stregua degli oroscopi,  sia oggetto di un diffuso interesse di massa.


Le previsioni del tempo nell’antichità

Ma - e non vi sembri strano - l’interesse per le vicende del cielo nelle antiche civiltà, prevalentemente agricole, era molto più sentito che adesso tanto che la descrizione dei segni premonitori dei cambiamenti del tempo era stata trattata in numerose opere: “Le opere e i giorni” di Esiodo, “Meteorologica” di Aristotele. “I fenomeni e i pronostici” di Arato, “Le georgiche” di Virgilio, “Storia naturale “ di Plinio il Vecchio. Ecco, ad esempio, secondo Arato, i sintomi premonitori della pioggia:


                                         …Molte volte

 prima che sopraggiungano le piogge

appaiono nubi che a blocchi di lana

somigliano moltissimo; o si svolge

doppia attraverso il grande cielo l’iride

oppure in qualche luogo c’è una stella

con un alone nereggiante intorno.

Molte volte gli uccelli di palude

o di mare tuffandosi nelle acque

si bagnano insaziabili; o dintorno

allo stagno le rondini si slanciano

lungamente, battendo con il ventre

l’acqua colà raccolta….

Le previsioni del tempo fino al 1700

 Anche i nostri avi passavano una buona parte del loro tempo a strologare con  nuvole e  venti, senza dubbio molto più di quanto non facciamo oggi noi, (meteorologi… a parte!). Il motivo di questo diverso interesse può essere facilmente spiegato: il contadino passava i giorni col naso all’insù perché doveva guardare il cielo per ogni faccenda: indovinare il momento della semina, dei raccolti, del taglio dell’erba. Capire i segni premonitori del cielo era, una volta, di importante vitale perché un raccolto rovinato dal maltempo significava, allora, senz’altro  fame, carestie,  malattie e anche morte. Oggi le previsioni del tempo e del clima, da una parte,  e le tecniche di conservazione e di stoccaggio delle derrate agricole fanno sì che i prodotti della terra per sfamare l’umanità siano meno vulnerabili che nel passato rispetto avversità atmosferiche.  Comunque questo stretto legame nel passato tra l’uomo e le vicende atmosferiche, aveva portato, presso quasi tutte le antiche civiltà, ad un ricca fioritura di credenze  e superstizioni sugli effetti del tempo sulla salute, specie da parte delle piogge, dei venti e dei temporali. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

30 SET
Il meteo della prossima settimana sarà interessato da una possente ottobrata
29 SET
Ottobre potrebbe portare importanti novità
28 SET
Diverse fasi piovose e una di alta pressione in arrivo sul nostro Paese
28 SET
Il mese di ottobre vedrà l’Italia contesa fra le calde correnti tropicali e le incursioni di aria fredda di origine polare
25 SET
Per la prima volta nella stria un vero e proprio uragano investe direttamente le coste di questo paese
17 SET
Temperature crollate soprattutto al Centronord
3 SET
La probabile traiettoria nei prossimi giorni