In pubblicazione il 13 SET 2021

METEO: il TERRORE dei TEMPORALI

Si chiama ceraunofobia: il terrore di lampi, tuoni e fulmini!


Fonte Immagine: pixabay, modificata

Il temporale come fenomeno meteo

I temporali estivi sono una delle peculiarità del clima estivo del nostro Paese. Le aree più temporalesche della Penisola sono le regioni alpine, e le vicine aree della pianura padano-veneta. La massima frequenza si raggiunge allo sbocco delle grandi valli alpine (come la Valle d’Aosta e la Valle dell’Adige) o là dove, come il Friuli, la più contenuta altezza della catena alpina facilita le incursioni di aria fredda proveniente dal Nord Atlantico. E infatti sono queste aree ove di solito i temporali sono più violenti tanto da dare luogo talvolta a trombe d'aria. Insomma, un fenomeno atmosferico che fa normalmente parte del clima italiano, mentre meno "normale" è la reazione che scatena in alcuni individui.


 


Arriva il temporale, e son dolori con la ceraunofobia!

Ma  per molte persone, quando la scura e minacciosa nube temporalesca si affaccia all’orizzonte, inizia un vero e proprio supplizio. Innanzitutto perché sono in molti coloro che soffrono di ceraunofobia”, la paura dei tuoni e lampi. In altri invece compare tutta una serie di malesseri fisici, come dolori alle articolazioni e ai muscoli, mal di testa, insonnia, stanchezza e persino attacchi di asma. Anche lo stato d’animo ne può risentire e nei 10-20 minuti che precedono l’arrivo della pioggia, ecco che depressione, malinconia e nervosismo possono prendere il sopravvento.

 

Tuoni e fulmini, che spavento! 

I disturbi durano fino allo scatenarsi dei lampi, che hanno il merito appunto di rimuovere dall’atmosfera le malefiche cariche positive. Anzi, in genere, all’arrivo delle prime gocce di pioggia, al nervosismo subentrano d'incanto calma e un'appagante sensazione di benessere, per cui all'improvviso ci si sente addirittura su di tono. In alcuni individui però i lampi e i tuoni che accompagnano il temporale – fenomeni che colpiscono fortemente i sensi – scatenano appunto, come già accennato, vere e proprie crisi di panico: una paura che è l’eco probabile di terrori ancestrali, ma talvolta anche la possibile traccia lasciata nel subconscio da qualche trauma avvenuto in età infantile.

 

 

VI CONSIGLIAMO DI LEGGERE LE NOSTRE ULTIMISSIME!

LE PREGHIERE per invocare la PIOGGIA!

Le tragedie greche svelano il clima dell’Antichità

Punture di zanzara, UN INSETTO MALEFICO E ODIOSO

 

Anche questi articoli potrebbero interessarvi!

SI PUO' MORIRE DI CALDO? OVVIAMENTE RIMARRETE STUPITI!!

METEO ESTREMO: quando il CALDO diventa una CATASTROFE NATURALE

FUTURO CATASTROFICO: Il CAMBIAMENTO CLIMATICO modificherà anche le ONDE del mare

Cambia il clima, per l’isola di ROBINSON CRUSOE un futuro SENZA ACQUA

INCREDIBILE SCOPERTA!! La storia del Mediterraneo raccontata dalle conchiglie

Riserve globali di ACQUA DOLCE in pericolo a causa del CAMBIAMENTO CLIMATICO

ALLARME! Per il MEDITERRANEO un futuro CATASTROFICO fatto di CALDO e SICCITA’

ATTENZIONE A CHI GUIDA: cambiare le gomme in estate!!

GLOBAL WARMING DEVASTANTE: Il livello dei mari sale più velocemente del previsto

PESSIMO FUTURO: grossi guai per i raccolti

Caldo e freddo. Quale fa più vittime? La risposta è SORPRENDENTE

Trombe d'aria, TORNADO, BOMBE D'ACQUA E DI GRANDINE: le distinzioni DA SAPERE

Le nostre estati tra dieci anni. Quanto saranno CALDE? Le PROIEZIONI NON SONO ROSEE



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 SET
Le temperature rimangono insolitamente alte soprattutto al Sud e Isole, ma i modelli previsionali vedono già la fine del caldo
17 SET
Le giornate di Sabato e Domenica di metà Settembre vedranno temperature costanti e piogge diffuse al Centro-Nord
17 SET
Cinque giornate veramente piovose al Nord, cinque al Centro, una sola Sud, tre in Sardegna
7 SET
La quasi totale assenza di precipitazioni da inizio Estate e una precedente carenza storica di piogge primaverili hanno causato una delle Estati più secche di sempre nella regione dell’Emilia-Romagna
1 AGO
Una situazione purtroppo sempre più comune (e preoccupante!)