In pubblicazione il 11 SET 2021

METEO: le CARESTIE del FUTURO. Non ci sono buone notizie

Uno studio americano è piuttosto pessimista.


Fonte Immagine: pixabay, modificata

Nel cercare di prevedere gli effetti del futuro cambiamento meteo climatico sui raccolti, una grande fonte di incertezza deriva dalla scarsa conoscenza delle conseguenze di ondate di caldo eccezionale sulle coltivazioni di vario genere, difficoltà che in parte riflettono la mancanza di osservazioni regolari e sistematiche dei campi coltivati durante tutti quei periodi, in passato, caratterizzati da temperature estremamente elevate.  Novembre 2021 sarà influenzato dalla Niña? Ecco le IMPORTANTI CONSEGUENZE


Leggi anche: COME SARA' SETTEMBRE? LE RISPOSTE


 

Tanto caldo, grossi guai per i raccolti

In uno studio pubblicato di recente sulla rivista scientifica Nature Climate Science alcuni ricercatori della Stanford University e della Oklahoma State University hanno quindi analizzato nove anni di osservazioni satellitari riguardanti i campi coltivati nel Nord dell’India con l’intento di quantificare l’entità dell’appassimento del frumento in seguito all’esposizione a temperature al di sopra dei 34 gradi, e i risultati sono quanto meno preoccupanti: gli studiosi infatti hanno riscontrato una notevole accelerazione nell’appassimento delle colture in conseguenza all’aumento delle temperature medie, che le espone a ondate di caldo via via più intense, frequenti e durature. Insomma il peggioramento delle condizioni delle coltivazioni monitorate sarebbe addirittura di entità maggiore del corrispondente aumento delle temperature. Avete letto: METEO TENDENZA: come sarà SETTEMBRE? Le proiezioni

 

Raccolti e caldo, più danni del previsto

Ma c'è di più nella ricerca degli studiosi, perchè i danni fatti dal caldo sembrano crescere in modo esponenziale all'aumentare delle temperature. I dati raccolti infatti mostrano come la sofferenza delle colture cresca più velocemente dell’aumento stesso delle temperature, motivo per cui, probabilmente, le attuali simulazioni al computer sottostimano notevolmente l’effetto del riscaldamento del clima sulle coltivazioni. In particolare in base ai risultati di questo studio nelle proiezioni per i prossimi decenni i danni alle coltivazioni stimati per un aumento medio delle temperature di circa 2 gradi potrebbe essere sottostimato di addirittura il 50%.

 

VI CONSIGLIAMO LA LETTURA DI QUESTI APPROFONDIMENTI

SI PUO' MORIRE DI CALDO? OVVIAMENTE RIMARRETE STUPITI!!

METEO ESTREMO: quando il CALDO diventa una CATASTROFE NATURALE

Clima, il LUGLIO più CALDO di sempre

FUTURO CATASTROFICO: Il CAMBIAMENTO CLIMATICO modificherà anche le ONDE del mare

Cambia il clima, per l’isola di ROBINSON CRUSOE un futuro SENZA ACQUA

INCREDIBILE SCOPERTA!! La storia del Mediterraneo raccontata dalle conchiglie

TERRIFICANTE: Riserve globali di ACQUA DOLCE in pericolo a causa del CAMBIAMENTO CLIMATICO

ALLARME! Per il MEDITERRANEO un futuro CATASTROFICO fatto di CALDO e SICCITA’

ATTENZIONE A CHI GUIDA: cambiare le gomme in estate!!

Quanto pesa una nuvola? La risposta è INCREDIBILE E INASPETTATA!

Caldo e freddo. Quale fa più vittime? La risposta è SORPRENDENTE

Trombe d'aria, TORNADO, BOMBE D'ACQUA E DI GRANDINE: le distinzioni DA SAPERE

Le nostre estati tra dieci anni. Quanto saranno CALDE? Le PROIEZIONI NON SONO ROSEE



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

19 GEN
Assisteremo a temperature via via più invernali e possibili nevicate fino a quota bassa in Puglia durante il weekend!
18 GEN
Nei prossimi gironi sulle regioni centrali torneranno a scorrere nuvole minacciose e correnti di aria gelida
18 GEN
L'inverno dà una passata importante. Ce la farà la neve a cadere fin sulle coste?!
17 GEN
L'anticiclone regna incontrastato nei cieli dell'Emilia-Romagna, anche se il suo cedimento nel corso della settimana sarà in grado di riportare una parentesi decisamente più invernale
19 DIC
Quante volte nel passato
18 DIC
Da dove deriva questo noto detto
18 DIC
Forte scossa di terremoto avvertita nella tarda mattina di oggi in Lombardia, con epicentro nella Bergamasca