In pubblicazione il 25 APR 2019

Più meteoropatici in aprile 

La causa? Il troppo rapido aumento della ore con luce solare

 numero medio di ore con luce a Roma (eliofania)
numero medio di ore con luce a Roma (eliofania)
Fonte Immagine: wkiopedia

 

Molti malesseri primaverili sono scatenati, come noto, dai rapidi, tipici mutamenti, da un giorno all’altro, nella pressione, nella temperatura e  nell’umidità dell’aria. 

 

Il più forte aumento di ore con luce avviene tra metà aprile e metà maggio


Ma in molti disturbi accusati dai meteoropatici interviene anche la brusca variazione, rispetto alle grigie e corte giornate invernali, nella intensità e nella durata della radiazione solare, che proprio in aprile raggiunge la massime rapidità di aumento da un giorno all’altro.

Figura: numero medio di ore con luce a Roma. Il, massimo aumento si verifica tra metà aprile e metà maggio quando si passa da 7 a 8.7 ore giornaliere circa con luce  solare (+1.7)

 In effetti non va dimenticato che sono molte le funzioni vitali regolate proprio  dai ritmi diurni e stagionali della luce solare, come appunto la produzione di ormoni, il sonno, la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la temperatura corporea. Via via che le giornate divengono più luminose e  che i giorni si allungano, la ghiandola pineale viene invitata ad una corrispondente maggiore produzione di melatonina, una sostanza che ha un ruolo fondamentale appunto nella produzione di tutti gli ormoni, e di molti mediatori, come la Serotonina . Questo brusche variazioni, da un giorno all’altro,  di ormoni e di neurotrasmettitori nel nostro organismo, può produrre ovviamente, nei soggetti più sensibili, uno sconquasso psicofisico che si manifesta in genere sotto forma di depressione,  stanchezza, nervosismo e insonnia.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

22 MAG
Insiste un po' di instabilità che nelle prossime ore favorirà ancora la formazione di improvvisi temporali in alcune zone d'Italia
21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni
22 MAG
In alcuni punti la neve supera i 10 metri!