In pubblicazione il 20 MAG 2020

Pressione sanguigna instabile in primavera 

La stanchezza o il mal di testa uno degli effetti più frequenti


Fonte Immagine: pinterest

L’incessante altalena primaverile delle condizioni meteorologiche dalle ore notturne a quelle diurne, da un giorno all’altro o da una settimana all’altra ha sicure negative ripercussioni anche sulla nostra pressione sanguigna la quale in genere diviene mutevole e instabile come il tempo.


 


Le giornate calde fanno abbassare la pressione sanguigna

Quando il barometro cala bruscamente oppure quando fa caldo, la pressione sanguigna tende a scendere al di sotto dei normali valori e questo è il motivo per cui, in tali situazioni, ci si può sentire stanchi, astienici e  svogliati.

 

Ma di testa in molti se la pressione sale  o fa troppo fresco

Ma se il giorno dopo il barometro è in rapida salita  (più di 10 hPa in 1 giorno) oppure fa un po’ fresco per un brsco balzo all'ingiù della temperatura (più di 7/8 gradi in 1 giorno), potete essere certi che la vostra pressione tenderà a portarsi al di sopra dei valori normali, una situazione non certo ideale per gli ipertesi e che è fonte spesso di fastidiosi mal di testa. La discesa della pressione sanguigna è in genere tanto più accentuata quanto più si innalza la temperatura rispetto al giorno prima

 Ma la pressione può subire sbalzi anche nel corso della medesima giornata perché in primavera non sono infrequenti le situazioni in cui fa caldo nel tardo mattino e nelle ore centrali del giorno mentre nel tardo pomeriggio la temperatura si abbassa bruscamente per l’arrivo di qualche acquazzone.

 

 Le raccomandazioni della medicina

Comunque, finché dura la variabilità primaverile, i medici raccomandano agli ipertesi di non cambiare la quantità prescritta di farmaci, perché, per rincorrere gli umori del tempo, sarebbe necessario correggere la dose di giorno in giorno, una cosa ovviamente irrealizzabile.

 Solo verso la fine di maggio, quando il caldo diviene sempre più frequente e durevole, può diventare consigliabile, in alcuni casi, ridurre le dosi, specie se ci si sente molto affaticati nelle gambe.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

26 OTT
Venti atlantici prima piovosi, poi molto miti e nebbiosi, infine freddi e piovosi
26 OTT
Da mercoledì l'arrivo di una massa d'aria insolitamente mite, farà da apripista per un weekend di Ognissanti stabile e soleggiato
26 OTT
Dopo una lunga fase di piogge, a più riprese, l'autunno si prende una (lunga) pausa.
25 OTT
a cura di Giuseppe Stabile Tecnico Meteorologo Ampro - certificato Dekra
15 OTT
Ecco le PESANTI ANOMALIE a livello globale: noi siamo in un'ISOLA FELICE.
13 OTT
Valori molto bassi al Nord Est, prima volta fin sullo zero anche in pianura
9 OTT
Era il 9 Ottobre 1963, Ore 22.39
7 OTT
In 24 ore caddero quasi 1000 mm di pioggia!