In pubblicazione il 17 NOV 2021

Quattro anni fa pesante ondata di maltempo in Emilia Romagna con neve a bassa quota

Mareggiata sulla costa


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Nel Novembre del 2017, in questi giorni, l'Emilia Romagna fu colpita da una forte perturbazione con piogge, mareggiate e nevicate in Appennino.


"Il maltempo ha interessato diffusamente la Regione portando copiose nevicate, anche a quote molto basse, come a Bologna città e Imola. Moltissimi sono stati i rami caduti in varie zone dell'Emilia, a causa della neve caduta sui rami ancora ricchi di fogliame. La neve ha interessato interamente l’Appennino dal Piacentino fino alla Romagna. Nel Ferrarese e sulla costa si sono verificate, inoltre, fortissime raffiche di vento che hanno causato la caduta di alberi" così citavano i quotidiani in merito all'ondata di maltempo che tra il 12 e il 14 novembre del 2017 investì l'Emilia-Romagna.


Mentre il tratto emiliano autostradale veniva chiuso per forti nevicate, Rimini e la sua provincia venne interessata da un estesa mareggiata con mare in burrasca, forti venti e precipitazioni che ben presto nell'entroterra si tramutarono in neve. La prima neve arrivò puntuale seguendo un canale freddo di aria artico marittima che dal mar del Nord si tuffò direttamente in Adriatico. La "dama bianca" fu la protagonista assoluta dell'entroterra appennico, imbiancando gran parte della Valmarecchia: da 10 a 20 centimetri si registrarono tra Badia Tedalda, San Leo e persino la Repubblica di San Marino. Coinvolti anche i comuni di Casteldelci, Pennabilli e Maiolo con alcuni smottamenti, ma Novafeltria, Sant'Agata Feltria e Perticara furono i comuni maggiormente coinvolti dalla coltre bianca.

Ma alle criticità idraulica e idrogeologica si aggiunse anche quella costiera lungo gli arenili.

Il mare agitato con onda al largo superiore a 2 metri e forti venti di burrasca, causò allagamenti agli stabilimenti spiaggiando anche una tartaruga marina centenaria. Fatto singolare fu il ritrovamento di due zattere di salvataggio tra Viserba e Torre Pedrera/Bellaria perse da due piattaforme off-shore al largo di Pesaro e Ancona.

 

Articolo di Roberto Nanni Tecnico Meteorologo Certificato e divulgatore scientifico AMPRO Associazione Meteo Professionisti



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

3 DIC
Freddo neve e gelo nella prima e ultima decade, quella natalizia
3 DIC
Le proiezioni dei modelli fisico-matematici confermano gli scenari nevosi su alcune regioni del nostro Paese
3 DIC
Il fine settimana sarà interessato da temperature basse e precipitazioni diffuse, in alcune zone nevose a bassa quota!
3 DIC
Dal primo weekend di dicembre al ponte dell'Immacolata l'inverno sembra voler dare sfoggio di se, con l'arrivo in Emilia-Romagna di alcuni impulsi freddi e perturbati
17 NOV
Forti temporali con nubifragi e grandinate
12 NOV
Le zone di Catania ed Agrigento quelle piu' colpite dai nubifragi, danni ingenti