In pubblicazione il 19 FEB 2021

Se scende la NEVE, scendono anche i CRIMINI

Uno studio mostro che quando l'inverno diventa più rigido influenza in modo evidente anche i comportamenti criminali


Fonte Immagine: Pixabay

Una sorprendente scoperta è stata fatta dai criminologi americani che hanno studiato gli effetti dei due potenti blizzard (bufera di neve) che in rapida successione hanno colpito la città di Washington tra il 5 e il 10 febbraio del 2010, quando la capitale è stata sepolta da quasi due metri di neve fresca: pare infatti che, oltre ad aver paralizzato la città causando il blocco dei trasporti e la chiusura di scuole e uffici, l’abbondante nevicata abbia anche provocato un brusco calo dei… crimini!


Durante le tempeste in effetti è stato registrato una forte diminuzione nel numero dei crimini più gravi, con gli omicidi che sono diminuiti del 41%, e un vero e proprio crollo dei reati meno gravi, con i furti che, ad esempio, nel sono stati solo 29 contro gli 88 dell’anno precedente nel medesimo periodo. In particolare secondo Daniel Dusseau, comandante della polizia al tempo della bufera, durante gli episodi di forte maltempo invernale anche i ladri d’appartamento preferiscono stare calmi a casa, in parte per evitare i disagi portati da gelo e neve, e in parte perché, con le persone costrette a rimanere rintanate al caldo nelle proprie abitazioni, cresce sensibilmente il rischio di essere scoperti e catturati.


Tuttavia, come ha sottolineato Sally Simpson, Professoressa di Criminologia presso l’Università del Maryland, c'è anche il rovescio della medaglia. I dati dimostrano infatti che quando violente bufere di neve colpiscono la città di Washington, cresce al contrario in modo evidente il numero di incidenti di vario genere causati dall’alcool, soprattutto fra i giovani: bloccati da un metro di neve e senza lezioni da seguire, gli studenti dei diversi campus della città tenderebbero a rinchiudersi nelle stanze dei college per dedicarsi a feste improvvisate e interminabili bevute. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Temperature a 1500m ca nei prossimi 10 giorni
26 FEB
Modelli in parziale disaccordo
26 FEB
Prosegue il dominio incontrastato dell'anticiclone, anche se il suo parziale indebolimento, concederà in Emilia-Romagna un lieve calo delle temperature e un ritorno a valori più consoni del periodo
26 FEB
Le ultime proiezioni dei modelli previsionali indicano la probabile data del prossimo generalizzato peggioramento del tempo
25 FEB
Fa caldo per il periodo...troppo caldo! Le conseguenze
27 FEB
Recenti ricerche confermano che il cambiamento climatico potrebbe avere un notevole impatto negativo sui raccolti del futuro
27 FEB
Secondo la statistica climatica https://www.youtube.com/watch?v=IcOh1T7NR8I
24 FEB
Temperature insolitamente miti in un’ampia fetta del continente asiatico con veri e propri valori record in Cina, Mongolia e Giappone
23 FEB
Statistiche e curiosità riguardanti le nevicate che hanno imbiancato la Capitale nel corso degli ultimi 100 anni