In pubblicazione il 7 OTT 2020

Aria fredda e nevicate in arrivo sabato sera e domenica al Nord

Possibile ritorno dei fiocchi poi anche in Appennino


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

L'alta pressione nei prossimi 2-3 giorni riconquisterà tutta la nostra Penisola ma si tratterà solamente di una pausa: correnti dal Nord Atlantico riporteranno il maltempo tra sabato sera e domenica. Il tutto sarà accompagnato da una massa d'aria fredda artica che porterà una sensibile diminuzione della temperatura a partire dalle Alpi. L'aria fredda avrà il merito di riportare nevicate su buona parte dell'arco alpino, soprattutto nelle aree di confine.


Dal pomeriggio/sera di sabato la neve tornerà a cadere sulle Alpi, mediamente oltre i 1800/2000 metri ma con quota in deciso calo tra la sera e la notte sudomenica quando farà il suo ingresso l'aria fredda. Proprio domenica mattina sulle regioni del Nord Est la neve potrebbe addirittura scendere a 1000/1300 metri! Attesi buoni accumuli sui versanti settentrionali. L'evoluzione resta molto incerta per inizio settimana ma una fase di maltempo e' decisamente probabile. Con precipitazioni moderate la neve potrebbe cadere per la prima volta in questa stagione sull'Appennino centro settentrionale fin sui 1500 metri circa. 


Non è da escludere che la prossima settimana il Mediterraneo centrale possa divenire sede di una circolazione di bassa pressione con maltempo diffuso e nuove nevicate.

Sopra la mappa che mostra le possibili nevicate attese tra sabato sera/notte e domenica sera.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

26 OTT
Molte piogge al Centronord poi una zampata fredda
26 OTT
Forti i cambiamenti negli ultimi 20 anni. L’influenza della Niña
25 OTT
SI conferma critico l'autunno per le nostre regioni, soprattutto quelle bagnate dai mari caldi
25 OTT
Rischio idro-geologico elevato per alcune zone del Sud a causa dell’intenso ciclone mediterraneo che insiste sul Meridione
20 OTT
Da questa mattina erutta il Vulcano del Monte Aso
11 OTT
In Italia 20 milioni di contagi e 30 mila morti
10 OTT
Le temperature massime osservate su 126 città