In pubblicazione il 6 SET 2021

Cicloni tropicali, più frequenti nel futuro su Ionio e Canale di Sicilia

Ma è improbabile la loro penetrazione nell’entroterra

Il ciclone tropicale tra Ionio e Grecia il 17 settembre
Il ciclone tropicale tra Ionio e Grecia il 17 settembre
Fonte Immagine: wetteronline

I Fenomeni più violenti del Mediterraneo sono i cicloni mediterranei, strutture simili ai cicloni tropicali (uragani, tifoni).


Tropicale Like Cyclone o Medicane

I Medicane (acronimo di Mediterranean Hurricanes) sono intense tempeste a mesoscala che nascono nel Mar Mediterraneo; essi ricordano gli uragani in quanto hanno meccanismi di formazione simili e pertanto vengono denominati in generale Tropical-Like Cyclones (TLC). Sebbene vi sia ancora molta discordia sull’esatta classificazione, la comunità scientifica identifica come TLC i cicloni che in generale hanno caratteristiche simili a quelle dei cicloni tropicali e utilizza il nome Medicane per i casi di TLC che mostrano peculiarità particolari, ovvero intensità del vento medio superiore ad un valore di soglia, in analogia con quanto avviene per la denominazione dei Cicloni Tropicali .


Sempre più frequenti nel futuro

Quello esattamente un anno fa, nel 2020, è  stato senz’altro un medicane perché i venti soffiarono a 200 km/ora con onde alte 10-12 metri. Negli ultimi 60 anni strutture simili a quello ora  diretto verso l’Egeo sono state osservate qualche decine di volte. Come i cicloni tropicali, hanno una struttura nuvolosa a spirale, il tipico occhio al centro, circondato da una muraglia di nubi temporalesche, diametro di 200 km circa. Il periodo in cui si possono verificare è tra fine agosto e settembre, quando la temperatura superficiale del mare supera i 26-27°C, condizione che, per i nostri mari, si può riscontrare solo su Ionio, Canale di Sicilia. Ma siccome ormai le temperature dei nostri mari sono in aumento anno dopo anno, allora tali eventi, una volta rari, adesso rischiano di comparire quasi ogni anno sui nostri mari più caldi come appunto lo Ionio e il Canale  di  Sicilia

Possibile la penetrazione fino all’entroterra  della Sicilia e della Calabria

I cicloni mediterranei non si sono mai abbattuti (landfall), nel pieno della loro forza, sulle zone costiere della penisola. Il motivo è semplice: il ciclone una volta innescatosi, si sposta nelle zone vicine  per alimentarsi di calore. Ma sullo Ionio e sul Canale di Sicilia  le'vento ha appena sfiorato le oste sud orientali della Sicilia. perch in prossimita delle coste dei mare a Sud della Sicilia  la temperatura  delle acque superficiali non hanno mai raggiunto valori oltre 27°C , ma quest'anno sono stati superati i 28 °C. Ecco perché riteniamo tale vento possibile. Del resto la SST ossia la temperatura dell'acque suberificati dell Canale di Sicilia è aumentate di 2 gradi  in 60 ani e seguita  ancora rapidamente a salire

ex_95_236_167_70_247_16_20_10.jpg

Anche questi articoli potrebbero interessarvi!

SI PUO' MORIRE DI CALDO? OVVIAMENTE RIMARRETE STUPITI!!

METEO ESTREMO: quando il CALDO diventa una CATASTROFE NATURALE

FUTURO CATASTROFICO: Il CAMBIAMENTO CLIMATICO modificherà anche le ONDE del mare

Cambia il clima, per l’isola di ROBINSON CRUSOE un futuro SENZA ACQUA

INCREDIBILE SCOPERTA!! La storia del Mediterraneo raccontata dalle conchiglie

Riserve globali di ACQUA DOLCE in pericolo a causa del CAMBIAMENTO CLIMATICO

ALLARME! Per il MEDITERRANEO un futuro CATASTROFICO fatto di CALDO e SICCITA’

ATTENZIONE A CHI GUIDA: cambiare le gomme in estate!!

GLOBAL WARMING DEVASTANTE: Il livello dei mari sale più velocemente del previsto

PESSIMO FUTURO: grossi guai per i raccolti

Caldo e freddo. Quale fa più vittime? La risposta è SORPRENDENTE

Trombe d'aria, TORNADO, BOMBE D'ACQUA E DI GRANDINE: le distinzioni DA SAPERE

Le nostre estati tra dieci anni. Quanto saranno CALDE? Le PROIEZIONI NON SONO ROSEE



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

27 SET
Per "critica" intendiamo con POSSIBILE rischio fenomeni estremi (trombe d'aria, alluvioni lampo, medicane...)
27 SET
Alta pressione lontana e correnti atlantiche protagoniste in una settimana dalle caratteristiche di inizio autunno
27 SET
Assisteremo a un’abbondanza di piogge su tutto il paese e ad un graduale calo termico
23 SET
Corsa contro il tempo per salvare le banane, il 50% del PIL dell'isola
19 SET
Una serie di vortici registrati dagli esperti.
7 SET
La quasi totale assenza di precipitazioni da inizio Estate e una precedente carenza storica di piogge primaverili hanno causato una delle Estati più secche di sempre nella regione dell’Emilia-Romagna