In pubblicazione il 10 MAR 2019

Correnti atlantiche in arrivo: aumenta la dinamicità sul Mediterraneo

Tre fasi nei prossimi giorni. Potrebbe arrivare anche un colpo di coda invernale

Anomalie termiche in Europa: aria molto fredda scende sul Mediterraneo
Anomalie termiche in Europa: aria molto fredda scende sul Mediterraneo
Fonte Immagine: WXCHARTS

 

In questa seconda decade di marzo inizieranno a fluire con più decisione le correnti atlantiche, le quali porteranno alcune fasi piuttosto fredde. Avremo quindi il classico colpo di coda invernale, che statisticamente è molto probabile in questo periodo, ovvero una parentesi di stampo invernale. 

Nell’evoluzione dei prossimi giorni si susseguiranno quindi 3 distinte fasi: la prima, tra l'11 ed il 15 marzo, avremo una parentesi di stampo invernale, perché arriveranno due nuclei di aria polare direttamente dalla Groenlandia trasportati dalle correnti Nord Atlantiche. 

Il primo vortice porterà annuvolamenti tra l’11 ed il 12, mentre il secondo interesserà l'Italia tra il 13 ed il 15 marzo con pioggia anche sotto forma di rovesci su Emilia Romagna e regioni del Centro Sud. Sono previste anche delle nevicate sulle Alpi, però solo sui versanti di confine esteri ed a quote molto basse sull'Appennino centro-meridionale, fino in collina sulla Calabria e sui rilievi della Sicilia nord orientale; per quanto riguarda le temperature ovviamente queste saranno in calo, tant’è che tra l’11 ed il 12 subiranno una flessione fino a 10 gradi dapprima al Centro Nord e poi anche al Sud. 


Localmente avremo diminuzione anche fino a 12 - 15 gradi laddove attualmente le massime sfiorano i 25 gradi; non sono però previste gelate anche per la sostenuta ventilazione che si attiverà tra martedì e mercoledì di Bora sull’Adriatico e di maestrale sui mari di Ponente. 

Nella seconda fase, tra il 15 e il 19 di marzo, domineranno ancora le correnti atlantiche, ma in questa parentesi arriveranno dal medio Atlantico e si presenteranno perciò più miti. Sospingeranno una perturbazione sull'Italia alla quale darà luogo a deboli piogge sulle regioni tirreniche, sulle Isole Maggiori; temperature nel complesso gradevoli in questa parentesi dinamica. 

La terza fase, tra 20 e il 21, è probabile l’arrivo di nucleo di aria più fredda, ma per questo attendiamo conferma perché andiamo oltre i 10 giorni di previsione. 



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola
9 AGO
Visibile da decine di chilometri la colonna di fumo nero. Fiamme dall’una di questa notte
8 AGO
In alcune zone del Pianeta i temporali sono particolarmente numerosi e i fulmini cadono molto più numerosi che altrove