In pubblicazione il 2 MAG 2019

Freddo “quasi” record per maggio, neve a bassa quota al Centro Nord

Aria piuttosto fredda giungerà dal Nord Europa: entrerà sulla Penisola nella notte di sabato 4 maggio


Fonte Immagine: WXCHARTS

 

I modelli continuano a confermare delle fredde sorprese per la giornata di domenica, 5 maggio. Ma andiamo con ordine: nella giornata di domani, venerdì 3 maggio, il maltempo tornerà al nord con rovesci e temporali, in estensione con il passare delle ore anche alla Toscana. 

Qualche pioggia raggiungerà anche il basso versante Tirrenico tra la serata e la notte, ma il vero peggioramento giungerà nella giornata di sabato 4 maggio, quando le condizioni meteo peggioreranno fortemente su buona parte dell’Italia, con fenomeni sparsi anche a sfondo temporalesco, probabili forti colpi di vento e intense grandinate, più probabili sulle regioni centro meridionali. Tempo ancora discreto sulla Sardegna, sull'alto versante Tirrenico e nella seconda parte della giornata sul nord ovest. 

Attenzione però domenica, perché appunto giungerà aria fredda con nevicate sulle regioni nord orientali fino a quote molto basse per il periodo, quindi anche sull'Emilia Romagna, sull'Italia centrale. 


Su tali regioni la neve cadrà fino a quote di 500-600 metri, considerato che domenica 5 mattina il livello dello zero termico sulle regioni sopra menzionate sarà tra gli 800 ed i 1000 metri, si attendono fiocchi di neve tra i 400 ed i 600 metri. Nevicate così a bassa quota con accumuli sostanzialmente significativi non si erano mai verificati in maggio nel corso degli ultimi 50 anni. I valori termici massimi crolleranno nell’ordine dei 10 gradi per 24-36 ore

Forti venti di Bora soffieranno con raffiche fino 70 km/h sulle coste venete e romagnole con conseguenti forti mareggiate.

Tempo un po più tranquillo invece sul versante tirrenico e sul sud Italia.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

22 MAG
Insiste un po' di instabilità che nelle prossime ore favorirà ancora la formazione di improvvisi temporali in alcune zone d'Italia
21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni
22 MAG
In alcuni punti la neve supera i 10 metri!